Resizing LCP

Lega Ciclismo Professionistico utilizza cookie e tecnologie simili per analizzare come i visitatori utilizzano il nostro sito Web, per consentire la condivisione di contenuti sui social media e per adattare i contenuti e gli annunci pubblicitari del sito alle vostre preferenze. Tali cookie vengono inseriti anche da terze parti. Facendo clic su "Accetta" accetti questo. Consulta le nostre impostazioni dei cookie per una descrizione dei cookie per i quali chiediamo il tuo permesso.

Seguici sui social

Giro dell’Emilia 2022: ecco il percorso
Giro dell’Emilia 2022: ecco il percorso Giro dell’Emilia 2022: ecco il percorso



Autore

admin

Tags ciclismo cup ciclismo professionistico Lega Ciclismo Lega del Ciclismo Professionistico

Autore articolo:

È stato presentato questa mattina a Carpi, in provincia di Modena, il doppio appuntamento del Giro dell’Emilia che, come da tradizione, proporrà (sabato 1 ottobre) la gara maschile e quella femminile. Nel corso della presentazione, alla quale sono intervenuti tra gli altri, gli amministratori del comune di Carpi e rappresentanti dei partener delle gare, sono stati illustrati tutti i dettagli del Giro dell’Emilia Granarolo e del Giro dell’Emilia BPER Banca Donne Elite.

Dopo l’edizione del 1976 (dominata da Roger de Vlaeminck) e del 2000 (trionfo di Gilberto Simoni), per la terza volta nella sua storia ultracentenaria, il Giro dell’Emilia prenderà il via dalla città di Carpi. Dalla maestosa Piazza dei Martiri, si percorre un circuito cittadino di 4,3 km, una prima volta ad andatura controllata, quindi per 2 volte in corsa, con un primo traguardo volante al termine della seconda tornata. Si lascia il centro cittadino per dirigersi verso Sorbara e Bomporto per proseguire verso Nonantola, dove sarà posto il secondo T.V. di giornata, dopo 33,2 km di corsa per poi procedere verso Castelfranco Emilia. A Ponte Samoggia, si lascia la SS 9 per raggiungere Monteveglio, per affrontare il terzo sprint in corrispondenza del Prosciuttificio Montevecchio (km 62,1). Lasciandosi alle spalle la pianura, si transita per Zappolino prima di raggiungere Savigno, rinomata per il suo pregiatissimo tartufo bianco. Fino a questo momento, la strada sale dolcemente seguendo il fondovalle del torrente Samoggia. Ma dopo 81,5 km di corsa, ecco approssimarsi la prima salita di giornata, che in 5,4 km (pendenza media 6,3 %) porterà i corridori alla località Ca’ Bortolani, dove sarà posto anche il primo GPM, al km 86,9 di gara. Si resterà in quota per alcuni km, attraversando Tolè ed alcuni saliscendi, fino a raggiungere Cereglio, dove inizierà una lunga e veloce discesa. Si raggiunge il fondovalle del Reno attraversando Vergato, per immettersi sulla SS 64 Porrettana, dopo 106,1 km di corsa.

Si prosegue sulla statale per raggiungere Marzabotto; ma proprio all’uscita del paese, ecco profilarsi la salita di Luminasio, confermata dopo l’esperienza dello scorso anno. Si tratta di una delle salite più iconiche della collina bolognese: il segmento più impegnativo misura complessivamente 5 km ed ha una pendenza media attorno al 10%, ma con alcuni tratti che raggiungono il 18% di pendenza massima. Terminato il tratto più impegnativo, prima un falsopiano, poi un breve tratto in ripida discesa, conducono all’ultima breve rampa, in cima alla quale si troverà il secondo traguardo valido come GPM, presso il castello di Medelana (quota 670 m. dopo 127,4 km).

Oltrepassato Mongardino, la discesa si fa più leggera, fino a raggiungere la strada di fondovalle che con veloci rettilinei porta a Calderino. E’ quindi il momento del quarto traguardo volante, dopo 143,7 km, posizionato presso il ristorante Parco dei Ciliegi. La strada prosegue sempre in live discesa, favorendo certamente un’andatura molto elevata dei corridori, che, oltrepassato l’ultimo T.V. di giornata dedicato a Franco Raimondi (km 147,5), raggiungeranno molto rapidamente la periferia ovest di Bologna, transitando a fianco dello stabilimento della Ducati Motors. Il passaggio a Porta Saragozza e l’Arco del Meloncello portano ad  iniziare, dopo 159,3 km di corsa, la prima delle 5 scalate lungo il portico più lungo e, probabilmente, più bello del mondo che ha ottenuto lo scorso anno dall’Unesco lo straordinario riconoscimento come Patrimonio dell’Umanità.

https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=pfbid0jJD6giFKo255BfF5ck3DFtEWUE7PqHzjYP5mkzBdZWTV7PUn5HhqbxuaVCsJY2wel&id=100063654518237

Il primo passaggio sulla linea del traguardo giunge dopo 161,5 km. All’arrivo mancheranno 4 giri, per complessivi 37,2 km, e sicuramente sarà in questi km, ormai famosi e ben noti a tutti, che si svilupperà l’azione decisiva, da cui uscirà il campione che alzerà le braccia al cielo dopo 198,7 km di corsa e circa 2.900 metri di dislivello complessivo.

SQUADRE E PRINCIPALI ISCRITTI

AG2R Citroen Team: Bouchard

Astana Qazaqstan Team: Velasco

Bora – Hansgrohe: Buchmann, Uijtdebroeks

Cofidis: Martin

Ef Education – Easypost: Chaves, Uran

Groupama – Fdj: Gaudu

Ineos Grenadiers: Dunbar, Geoghehan Hart

Intermarche – Wanty – Gobert Materiaux: Bakelants, Hermans

Israel – Premier Tech: Fuglsang, Woods

Jumbo-Visma: Foss, Gesink

Lotto Soudal: Kron

Movistar Team: E. Mas, Valverde

Quick-Step Alpha Vinyl Team: Alaphilippe, Masnada

Team Bikeexchange – Jayco: S. Yates, Kangert

Trek – Segafredo: Ciccone, Lopez

Uae Team Emirates: Pogacar, Almeida, Ayuso

Alpecin-Deceuninck: Vine

Bardiani Csf Faizané: Zana

Bingoal Pauwels Sauces Wb: Paquot

Caja Rural-Seguros Rga: Cepeda

Drone Hopper – Androni Giocattoli: Tesfazion, Zardini

Eolo-Kometa Cycling Team: Fortunato

Equipo Kern Pharma: Carboni

Team Arkea – Samsic: N. Quintana

Totalenergies: Latour

Esplora altre news

Game 3 of 3

Dislike
Frans Hals

Koos Breukel

Jan van Scorel

Guido van der Werve

Maerten van Heemskerck

Drag & drop if you like

or dislike it

Go on! Drag me around!

Are you sure?!

I don't like him aswell

He doesn't like you I'm afraid

Meet at Frans Hals!

Game 1 of 3

lock
lock

Game 2 of 3