Resizing LCP

Lega Ciclismo Professionistico utilizza cookie e tecnologie simili per analizzare come i visitatori utilizzano il nostro sito Web, per consentire la condivisione di contenuti sui social media e per adattare i contenuti e gli annunci pubblicitari del sito alle vostre preferenze. Tali cookie vengono inseriti anche da terze parti. Facendo clic su "Accetta" accetti questo. Consulta le nostre impostazioni dei cookie per una descrizione dei cookie per i quali chiediamo il tuo permesso.

Seguici sui social
Statuto vigente
Regolamento organizzativo 2024 - Norme di associazione

In allegato potete trovare il regolamento organizzativo 2024, con le norme di Associazione alla Lega e il tesseramento delle categorie professionistiche.

 

Regolamento Direttori Sportivi
Regolamento Direttori di Organizzazione di Corse Professionistiche


NORME CONCERNENTI I DIRETTORI DI ORGANIZZAZIONE PER CORSE PROFESSIONISTICHE DELLA LEGA DEL CICLISMO PROFESSIONISTICO (L.C.P.)

Art.1

1. Il Direttore di Organizzazione è il soggetto preposto dall’Ente Organizzatore all’organizzazione ed allo svolgimento della gara.
2. Il Direttore di Organizzazione è il responsabile sul piano organizzativo del buon andamento della manifestazione ed il garante nei confronti delle autorità pubbliche e degli organi sportivi competenti dell’osservanza delle norme legislative e regolamentari vigenti nonché dell’attuazione delle misure cautelari imposte dalle regole di comune diligenza e prudenza in materia di sicurezza.
3. L’esercizio dell’attività di Direttore di Organizzazione è subordinata all’iscrizione in un apposito elenco e non aver superato i 75 anni, età massima per poter svolgere l’attività, al momento del tesseramento.
4. Il presente regolamento definisce il profilo professionale del Direttore di Organizzazione, ne individua i compiti e stabilisce i principi fondamentali per l’esercizio di tale attività alle dipendenze degli Enti Organizzatori che organizzano gare riservate ai corridori professionisti

Art.2

1. E’ istituito il ruolo dei Direttori di Organizzazione di Corse Professionistiche (classi 1 e superiori).
2. Possono essere iscritti nel Ruolo dei Direttori di Organizzazione coloro i quali sono in possesso della relativa abilitazione, conseguita con le modalità previste dal successivo Art. 4.
3. Per mantenere l’iscrizione nel Ruolo, i Direttori di Organizzazione devono mantenere per ogni biennio i requisiti indicati nell’Art. 5.
4. Le funzioni di Direttore di Organizzazione svolte per conto di un Ente Organizzatore che organizza gare riservate a corridori professionisti possono essere affidate soltanto a coloro che siano iscritti nell’apposito Ruolo.

Art.3

1. Per essere iscritti nel Ruolo dei Direttori di Organizzazione è necessaria la presentazione di un’apposita domanda, obbligatoriamente corredata della documentazione idonea a comprovare il possesso dei requisiti richiesti dal secondo comma dell’articolo 2.
2. La domanda deve essere presentata presso la Segreteria della Lega del Ciclismo Professionistico, nei termini e secondo le modalità annualmente stabilite con apposita delibera.

Art.4

1. L’abilitazione all’esercizio dell’attività di Direttore di Organizzazione si consegue mediante la partecipazione ad appositi corsi tecnico-didattici, organizzati dalla Lega del ciclismo Professionistico con la collaborazione della Commissione Nazionale Direttori di Corsa e Sicurezza e con la supervisione del Centro Studi, ed il superamento di una esame conclusivo al termine di essi; come meglio specificato nell’allegato 1.

Art.5

Il D.O. per mantenere l’iscrizione nel Ruolo il Direttore di Organizzazione deve essere in possesso dei seguenti requisiti:

1. per il primo anno di attività essere tesserato come Direttore di Organizzazione, nel secondo anno di attività essere tesserato come D.O. e dirigere nel corso dell’anno almeno una gara nel Settore Professionistico.

1.1 Dopo 2 anni consecutivi di non esercizio del Ruolo la qualifica di D.O. decade e l’anno successivo potrà dirigere solo gare nazionali ed internazionali come Direttore di Corsa Internazionale (D.C.I.).

1.2 per riottenere la qualifica di D.O. è necessario iscriversi ad un nuovo corso di abilitazione.

2. sono esonerati dai requisiti al punto 1. i D.O. in aspettativa o i dirigenti Federali Nazionali in situazione di incompatibilità secondo quanto previsto dallo Statuto Federale.

3. il D.O. è tenuto a partecipare ai corsi di aggiornamento della L.C.P. anche se non ha i requisiti indicati al punto 1.

4. Con cadenza biennale il Ruolo dei D.O. viene aggiornato dalla segreteria del L.C.P. di concerto con la Commissione Nazionale Direttori di Corsa e Sicurezza.

5. La sopravvenuta perdita o comunque il venir meno dei requisiti richiesti per l’iscrizione nel Ruolo in epoca successiva all’iscrizione medesima determina la decadenza dell’iscrizione e la conseguente cancellazione dal Ruolo di colui che vi era stato iscritto.

Art.6

1. L’iscrizione al Ruolo ha efficacia limitata a due annate sportive.
2. Il rinnovo dell’iscrizione è subordinato all’accertamento della permanenza dei requisiti previsti dall’Art. 5 nonché alla partecipazione ad appositi corsi di aggiornamento biennali organizzati dalla L.C.P. con la collaborazione della Commissione Nazionale Direttori di Corsa e Sicurezza (C.N.D.C.S.) e la supervisione del Centro Studi.
3. La partecipazione ai corsi costituisce requisito indispensabile per il rinnovo dell’iscrizione nel Ruolo.

Art.7

1. Il Direttore di Organizzazione iscritto nel Ruolo che è interessato a svolgere attività di tipo diverso alle dipendenze di un Ente Organizzatore o di un Gruppo Sportivo è tenuto a comunicare preventivamente la propria intenzione alla Commissione per la tenuta dei ruoli della L.C.P., precisando la natura di tale attività e chiedendo la sospensione della iscrizione nel Ruolo.
2. La sospensione volontaria non può essere richiesta per un periodo complessivo superiore a 5 anni.
3. Lo svolgimento da parte del Direttore di Organizzazione di un’attività di natura diversa da quella per cui è abilitato, senza il preventivo accoglimento della domanda di sospensione volontaria, comporta il deferimento agli organi di giustizia.

Art.8

1. Il Direttore di Organizzazione sospeso dall’iscrizione nel Ruolo non può svolgere le relative funzioni per l’intera durata della sospensione.
2. Il decorso del periodo di sospensione non esonera il Direttore di Organizzazione dall’obbligo di partecipazione agli incontri ed ai seminari di aggiornamento tecnico.

Art.9

1. Il Direttore di Organizzazione iscritto nel Ruolo è tenuto, come ogni altro tesserato, al rispetto dello Statuto, di ogni altra norma Federale e di Lega.
2. Egli è tenuto, costantemente ed in qualunque circostanza, al rispetto dei principi della lealtà e della correttezza morale e ad ispirare la sua condotta, sia nei rapporti con i colleghi sia nei rapporti con i terzi in genere, ai principi della deontologia professionale.
3. La violazione di tali obblighi comporta il deferimento agli organi di giustizia e l’adozione a carico del Direttore di Organizzazione degli opportuni provvedimenti disciplinari, conformemente a quanto previsto dal vigente regolamento di disciplina.

Art.10

1. Alla formazione, alla tenuta ed all’aggiornamento del Ruolo dei Direttori di Organizzazione provvede la Commissione per la tenuta dei Ruoli, secondo le modalità da essa stessa stabilite.

2. La Commissione inoltre:
a) propone l’importo dell’eventuale quota da versare per l’iscrizione e per il tesseramento annuale;
b) propone norme d’indirizzo per l’esercizio dell’attività di Direttore di Organizzazione di corse professionistiche (classi 1 e superiori);
c) propone con la collaborazione della C.N.D.C.S. e del Centro Studi le modalità di svolgimento d’incontri e di seminari di aggiornamento e di perfezionamento per i Direttori di organizzazione.

Art.11

1. Il Direttore di Organizzazione iscritto nel Ruolo e avente i requisiti richiesti al precedente art. 5, deve tesserarsi per il tramite di un Ente Organizzatore associato alla Lega del Ciclismo Professionistico o di una società affiliata alla FCI.

2. Il Direttore di Organizzazione tesserato per il tramite di un Ente Organizzatore associato alla Lega del Ciclismo Professionistico o di una società affiliata alla FCI, può dirigere gare anche per altre Società o Enti Organizzatori.

Art.12

Il certificato medico di buona salute, previsto per il tesseramento, deve essere presentato all’atto del tesseramento stesso e conservato presso la Società che richiede la tessera.

Norme per lo svolgimento del corso per direttori di organizzazione

ALLEGATO 1

NORME PER LO SVOLGIMENTO DEL CORSO PER DIRETTORI DI ORGANIZZAZIONE

Obiettivi del corso
Gli obiettivi del corso di formazione mirano ad ottimizzare la preparazione di coloro che si apprestano ad operare come Direttori di Organizzazione Professionisti.
Tale formazione si riferisce principalmente agli aspetti della sicurezza in corsa.
Il programma del corso è finalizzato a fornire i modelli di riferimento attuali, per dare le competenze necessarie a ricoprire il ruolo, indispensabile per operare con sicurezza in gara.

Requisiti per l’ammissione
Per essere ammessi ai corsi di formazione, i candidati devono essere in possesso dei seguenti requisiti:
1. Essere presentato da un Ente Organizzatore associato alla Lega del Ciclismo Professionistico;

2. Essere in possesso della tessera di Direttore di Corsa Internazionale ed aver partecipato come Direttore o Vice Direttore, allo svolgimento di almeno 2 Nazionali o Internazionali su strada (esclusi i criterium);
3. Età compresa fra i 25 anni e i 55 anni;
4. Avere la cittadinanza italiana;
5. Possedere il diploma di scuola media inferiore;
6. Stato di buona salute, attestato da certificato medico;
7. Essere in possesso di un certificato, rilasciato da istituti linguistici abilitati, di partecipazione ad un corso base di lingua straniera, Francese o Inglese, oppure essere in possesso di un diploma di scuola media superiore;
8. Dimostrare di aver partecipato, affiancato da un Tutor D.O., ad almeno 4 giornate di gara professionistiche negli ultimi due anni;
9. versamento della relativa quota di iscrizione;

Le domande per l’ammissione ai corsi devono essere inoltrate alla Segreteria della Lega del Ciclismo Professionistico e alla Commissione Nazionale Direttori di Corsa e Sicurezza, che a sua volta dovranno attestare il requisito al punto 2 mentre per gli altri punti è ammessa l’autocertificazione, escluso il punto al numero 6.

Struttura del corso
I corsi sono organizzati dalla Segreteria della Lega del Ciclismo Professionistico e dalla C.N.D.C.S.
Le lezioni sono tenute da docenti, istruttori (iscritti nell’apposito elenco tenuto dal Settore Studi), esperti della Scuola dello Sport o figure Professionali indicate dalla L.C.P.
I programmi didattici dei corsi per Direttore di Organizzazione, sono indicati dalla Lega del Ciclismo Professionistico, in collaborazione con la C.N.D.C.S. e dal Settore Studi.
Il corso ha la durata di 4 ore e prevede un esame finale; i corsi saranno preferibilmente organizzati in un fine settimana.
L’esame si terrà durante l’ultima giornata di corso.

Ammissione alla valutazione finale
Alla valutazione finale sono ammessi soltanto coloro che hanno partecipato a tutte le 4 ore previste

Per ciascun candidato ammesso alla valutazione finale, deve essere redatto il verbale d’esame, sottoscritto dal candidato e dai componenti la commissione esaminatrice.

Esame
L’esame di abilitazione prevede:
a) un questionario scritto riguardante i Regolamenti Internazionali e Nazionali.

b) una tesina di argomento concordata con il Tutor dell’ente organizzatore di presentazione da consegnarsi 7 giorni prima dello svolgimento degli esami.

c) un colloquio finale con la Commissione di Valutazione, che comprenderà la discussione sulle domande del questionario e gli argomenti delle lezioni del corso.

La commissione, nominata dalla Lega del Ciclismo Professionistico e dalla C.N.D.C.S in accordo con il Settore Studi, è composta da almeno un rappresentante della Lega del Ciclismo Professionistico, della C.N.D.C.S e del Settore Studi Nazionale.

Inserimento in Ruolo
E’ compito della Segreteria della Lega del Ciclismo professionistico, provvedere ad inserire a Ruolo i candidati che hanno ottenuto l’abilitazione.

Game 3 of 3

Dislike
Frans Hals

Koos Breukel

Jan van Scorel

Guido van der Werve

Maerten van Heemskerck

Drag & drop if you like

or dislike it

Go on! Drag me around!

Are you sure?!

I don't like him aswell

He doesn't like you I'm afraid

Meet at Frans Hals!

Game 1 of 3

lock
lock

Game 2 of 3