Resizing LCP

Lega Ciclismo Professionistico utilizza cookie e tecnologie simili per analizzare come i visitatori utilizzano il nostro sito Web, per consentire la condivisione di contenuti sui social media e per adattare i contenuti e gli annunci pubblicitari del sito alle vostre preferenze. Tali cookie vengono inseriti anche da terze parti. Facendo clic su "Accetta" accetti questo. Consulta le nostre impostazioni dei cookie per una descrizione dei cookie per i quali chiediamo il tuo permesso.

Seguici sui social

SIMONE VELASCO CAMPIONE ITALIANO
SIMONE VELASCO CAMPIONE ITALIANO SIMONE VELASCO CAMPIONE ITALIANO



Autore

admin

Tags 2023 ciclismo velasco campione

Autore articolo:

Lo avevano detto in tanti, quasi tutti: in un Campionato Italiano in linea come quello di Comano Terme 2023, impegnativo ma non impossibile, senza un favorito assoluto e con molti dei più attesi atleti in gara supportati da pochi effettivi, la sorpresa poteva essere dietro l’angolo. Sulla ruota di Comano è uscito il numero 17, alla faccia di chi dice che porti sfortuna: il numero di Simone Velasco, 27 anni e una carriera da promessa forse non pienamente mantenuta. Almeno fino ad oggi. 

Non c’era il suo nome fra quelli dei papabili alla vigilia della rassegna tricolore in Trentino, ma ad onor del vero più di qualcuno aveva iniziato a includerlo nella rosa dopo la cronometro di giovedì a Sarche, nella quale aveva destato impressione chiudendo quarto, da non specialista, su un percorso impegnativo. 

Certo, ripetersi sui 227 km e 3.730 metri di dislivello del percorso trentino era tutt’altro dire, e fino a 20 km dal termine sembrava che fosse un altro atleta del Team Astana-Qazaqstan, Simone Battistella, quello destinato a giocarsi una grossa chance tricolore sul traguardo di Comano Terme. Invece è stato a 15 km dall’arrivo che la corsa ha subito l’ennesimo ribaltamento in testa, quando su Filippo Magli (Green Project-Bardiani-CSF) e Battistella, rimasti all’inseguimento del solitario Lorenzo Rota (Intermarche-Circus-Wanty), si riportavano Velasco, Kristian Sbaragli, Davide Formolo e Matteo Trentin (UAE Team Emirates) e Filippo Baroncini (Trek-Segafredo).

A questi sette è toccato l’inseguimento del bergamasco dopo l’ultimo scollinamento sulla salita di Cavrasto, poi ripreso a 7 km dal traguardo. Con Battistella messo fuori gioco dai crampi e Baroncini da una foratura, il Tricolore è diventato un gioco a sei sul lungo rettilineo di Comano, incorniciato di appassionati che per tutto il giorno hanno affollato l’intero percorso sotto un sole caldo ma splendido, che ha illuminato ed esaltato il verde e i borghi di Comano e delle Giudicarie Esteriori negli oltre 90 minuti di diretta televisiva. 

In uno sprint dopo 227 km quasi sempre vince chi ha più gambe: oggi, ce le aveva Simone Velasco. Secondo posto per Lorenzo Rota, che già l’anno scorso aveva occupato lo stesso gradino alle spalle di Filippo Zana, terzo Kristian Sbaragli

“Quella di oggi era una gara per corridori di fondo che sanno tenere duro su percorsi impegnativi,” ha spiegato il neo-Campione italiano, “nelle classiche delle Ardenne mi ero ben comportato e quindi avevo fiducia, ma il Tricolore è sempre un terno al lotto: si corre in modo diverso rispetto alle altre gare, e io difficilmente avevo avuto fortuna in passato in queste occasioni.” Dopo il traguardo, lacrime di gioia, tante, il pensiero per chi non c’è più, per Gino Mäder ed Umberto Inselvini, lo storico massaggiatore Astana scomparso improvvisamente all’inizio di quest’anno, e l’abbraccio alla sua Diletta, 8 mesi. “Questa maglia l’ho sognata una vita intera, vorrei cucirmela addosso. Averla conquistata davanti a Diletta e alla mia compagna Nadia è qualcosa di più.”

Nato a Bologna, ma elbano di formazione e nell’anima, una crescita ciclistica divisa fra strada, ciclocross e Mountain Bike, l’altra passione di Velasco sono i mezzi d’epoca, fra due e quattro ruote: “Ho anche una 50 Special, con cui giro sui colli bolognesi come canta Cremonini… ma adesso penso all’Elba, a qualche giorno di mare prima dell’altura. Poi? Prima la Spagna poi… il Mondiale? Chissà…

Quinto posto di giornata per Matteo Trentin, infuriato per l’occasione persa sul traguardo di casa. Filippo Ganna (INEOS-Grenadiers), undicesimo, ha regolato un gruppetto che comprendeva anche il corridore più atteso su questo percorso, Giulio Ciccone (Trek-Segafredo), solo quattordicesimo. Sperava in un’altra festa dopo quella delle nozze, proverà a rifarsi al Tour.

Esplora altre news

Game 3 of 3

Dislike
Frans Hals

Koos Breukel

Jan van Scorel

Guido van der Werve

Maerten van Heemskerck

Drag & drop if you like

or dislike it

Go on! Drag me around!

Are you sure?!

I don't like him aswell

He doesn't like you I'm afraid

Meet at Frans Hals!

Game 1 of 3

lock
lock

Game 2 of 3