Resizing LCP

Lega Ciclismo Professionistico utilizza cookie e tecnologie simili per analizzare come i visitatori utilizzano il nostro sito Web, per consentire la condivisione di contenuti sui social media e per adattare i contenuti e gli annunci pubblicitari del sito alle vostre preferenze. Tali cookie vengono inseriti anche da terze parti. Facendo clic su "Accetta" accetti questo. Consulta le nostre impostazioni dei cookie per una descrizione dei cookie per i quali chiediamo il tuo permesso.

Seguici sui social

Di Rocco (FCI): “Ecco gli scenari sulla stagione 2020”
Di Rocco (FCI): “Ecco gli scenari sulla stagione 2020” Di Rocco (FCI): “Ecco gli scenari sulla stagione 2020”



Autore

admin

Tags Coronavirus Covid-19 FCI Federazione Ciclistica Italiana Lega Ciclismo Lega del Ciclismo Professionistico Renato Di Rocco Stagione 2020

Autore articolo:

Tre date per rimettersi in sella, tre ipotesi sul tavolo dell’Unione Ciclistica Internazionale per ridare il via a partire già da luglio. In un’intervista concessa a Rai Sport, lo svela Renato Di Rocco presidente della Federazione italiana ciclismo e vicepresidente proprio dell’UCI: «Lavoriamo seguendo le indicazioni delle autorità sanitarie – ha spiegato – ma abbiamo individuato tre possibili scenari: riprendere dal 1° luglio, dal 15 luglio oppure dal 1° agosto».

Priorità ai grandi giri e alle classiche monumento. Su questo pochi dubbi: nel riformulare il calendario, saranno gli appuntamenti con più seguito e prestigio ad avere precedenza sulle altre corse da riposizionare. «Siamo pronti ad anticipare o a rinviare la ripartenza rispetto ai tre scenari indicati – dice Di Rocco – ma lo faremo sempre dando almeno un mese agli atleti per allenarsi e prepararsi al meglio».

Ripartenza dal Tour de France? Sembra la soluzione più ovvia, anche se le date esatte potrebbero subire degli aggiustamenti. «Gli organizzatori della Grande Boucle – spiega Di Rocco – si sono presi tempo fino al 15 maggio, ma la soluzione migliore sarebbe avere un grande giro al mese, con Tour e Vuelta nelle loro date originarie».

E il Giro d’Italia? La corsa rosa potrebbe slittare a dopo la Vuelta: a settembre – ma ci sono i mondiali di Aigle-Martigny – oppure a ottobre. «È l’evento con più seguito tra quelli rinviati – chiarisce Di Rocco – e il ciclismo deve ripartire proprio dagli appuntamenti più importanti sul piano mediatico ed economico».

Ipotesi porte chiuse. Per il numero uno della Federciclismo è un’ipotesi da scongiurare: «Il pubblico fa parte dell’anima e della storia del ciclismo, attende ore per vedere i corridori per un attimo, spero davvero non si debba arrivare a questo».

L’idea “un per cento”. Gli aspetti economici sono un altro dei temi all’ordine del giorno, con oltre 600 corse cancellate e migliaia di operatori sul territorio – tra ciclisti, organizzatori, staff di squadre grandi e piccole – che rischiano gravi perdite. «Il Coni e il governo – precisa Di Rocco – hanno già annunciato il proprio contributo di fronte a questa vera crisi anche sul piano sportivo. Ma anche noi con il nostro consiglio federale pensiamo a forti misure di sostegno, e come ha fatto il calcio potremmo chiedere un contributo pari all’un per cento del gettito delle scommesse, che per il ciclismo ammontano a 14 milioni».

Esplora altre news

Game 3 of 3

Dislike
Frans Hals

Koos Breukel

Jan van Scorel

Guido van der Werve

Maerten van Heemskerck

Drag & drop if you like

or dislike it

Go on! Drag me around!

Are you sure?!

I don't like him aswell

He doesn't like you I'm afraid

Meet at Frans Hals!

Game 1 of 3

lock
lock

Game 2 of 3