Resizing LCP

Lega Ciclismo Professionistico utilizza cookie e tecnologie simili per analizzare come i visitatori utilizzano il nostro sito Web, per consentire la condivisione di contenuti sui social media e per adattare i contenuti e gli annunci pubblicitari del sito alle vostre preferenze. Tali cookie vengono inseriti anche da terze parti. Facendo clic su "Accetta" accetti questo. Consulta le nostre impostazioni dei cookie per una descrizione dei cookie per i quali chiediamo il tuo permesso.

Seguici sui social

Moscon vince ancora i Campionati Italiani a cronometro
Moscon vince ancora i Campionati Italiani a cronometro Moscon vince ancora i Campionati Italiani a cronometro



Autore

admin

Tags campionati italiani campionati italiani a cronometrp Cavour ciclismo ciclismo cup ciclismo cup 2018 ciclismo professionistico Fabio Felline Filippo Ganna gianni moscon Lega Ciclismo Lega del Ciclismo Professionistico Rostese Rodman

Autore articolo:

Sole e tanto pubblico – lungo il percorso, all’arrivo e alla premiazione finale – oggi a Cavour per l’edizione 2019 dei Campionati Italiani a cronometro di ciclismo, organizzati dalla Rostese Rodman sotto l’egida della Federazione nazionale e in collaborazione con la Regione Piemonte e con i Comuni attraversati dal percorso: Cavour, Bibiana e Campiglione Fenile. 32 atleti si sono dati appuntamento nella centrale piazza Sforzini per lanciarsi nella gara tricolore, sul percorso di circa 20 km disegnato sulle strade della Strada delle Mele.

Gianni Moscon (Team Sky) ha conquistato la prova maschile, confermando la vittoria ottenuta l’anno scorso in un’altra edizione “piemontese” dei Campionati Italiani. Il 24enne trentino, da poco rientrato dai Mondiali dove ha gareggiato nella prova in linea, ha chiuso in 48’21″6 e battuto per pochi secondi Filippo Ganna (UAE Team Emirates, 48’24″0) e Fabio Felline (Trek-Segafredo, 49’19″2), entrambi piemontesi, rispettivamente classe 1996 di Verbania e classe 1990 di Torino. Nella foto in alto il podio finale (del fotografo Filippo Alfero).

Gianni Moscon

“Confermarsi è sempre una grande soddisfazione” ha commentato Gianni Moscon, “ci tenevo; e riuscire a vincere contro un Filippo Ganna in condizione strepitosa è stato ancora più bello”. “Ho smaltito la fatica dei Mondiali e oggi mi sentivo bene” ha proseguito l’azzurro, “durante la corsa conoscevo gli intertempi e sapevo di non essere in prima posizione, ma sono rimasto concentrato sulla mia gara e alla fine ho vinto, disputando oltretutto una delle mie migliori cronometro di sempre”.

“Abbiamo centrato l’obiettivo” afferma l’assessore allo sport della Regione Piemonte Giovanni Maria Ferraris, “perché la Strada delle Mele si è confermata un percorso adatto a ospitare un evento agonistico di alto livello, nell’ambito di un territorio che ha saputo rispondere nel migliore dei modi grazie all’ottima organizzazione della società Rostese Rodman e alla partecipazione dei Comuni coinvolti”.

“Come a giugno in occasione dei Campionati Italiani su strada possiamo dire che la manifestazione è perfettamente riuscita” conclude il presidente della Rostese Rodman Massimo Benotto, “e per questo vorrei ringraziare i Comuni e le Associazioni di volontari per il loro appoggio oggi e durante l’organizzazione dell’evento, impreziosito dalla partecipazione di atleti di altissimo livello. È stata una bella giornata anche dal punto di vista climatico e questo ha favorito la presenza di molta gente lungo il percorso. Gli atleti hanno gareggiato in una bellissima cornice di entusiasmo, forse la miglior immagine possibile per il nostro sport”.

ORDINE D’ARRIVO COMPLETO

1. Gianni Moscon (Team Sky) in 48’21”6 alla media di 50,868 kmh
2. Filippo Ganna (UAE Emirates) a 2”
3. Fabio Felline (Trek Segafredo) a 57”
4. Alessandro De Marchi (BMC) a 1’23”
5. Mattia Cattaneo (Androni Sidermec) a 2’03”
6. Manuele Boaro (Bahrain Merida) a 2’44”
7. Davide Ballerini (Androni Sidermec) a 3’09”
8. Davide Martinelli (Quick Step Floors) a 3’30”
9. Oliviero Troia (UAE Emirates) a 3’34”
10. Paolo Totò (Sangemini MGKvis) a 3’35”
11. Alessandro Tonelli (Bardiani CSF) a 3’49”
12. Mattia Frapporti (Androni Sidermec) a 4’00”
13. Alan Marangoni (Nippo Fantini) a 4’10”
14. Giovanni Carboni (Bardiani CSF) a 4’21”
15. Simone Ravanelli (Biesse Carrera) a 4’45”
16. Seid Lizde (Androni Sidermec) a 4’48”
17. Simone Antonini (Wanty Gobert) a 4’51”
18. Mirco Maestri (Bardiani CSF) a 5’19”
19. Luca Taschin (Calzaturieri Montegranaro) a 5’26”
20. Matteo Spreafico (Androni Sidermec) a 5’29”
21. Jalel Duranti (Petrioli Firenze) a 5’34”
22. Marco Coledan (Wilier Selle Italia) a 5’40”
23. Luca Pacioni (Wilier Selle Italia) a 5’43”
24. Umberto Marengo (Viris Vigevano L&L) a 6’00”
25. Andrea Toniatti (Team Colpack) a 6’21”
26. Mirko Trosino (A&V Prodir) a 6’32”
27. Damiano Cima (Nippo Fantini) a 6’44”
28. Massimo Rosa (Wilier Selle Italia) a 7’47”
29. Marco Tizza (Nippo Fantini) a 8’22”
30. Edoardo Corridori (D’Amico Utensilnord) a 9’38”

Screenshot 2018-02-12 at 21.08.53

Esplora altre news

Game 3 of 3

Dislike
Frans Hals

Koos Breukel

Jan van Scorel

Guido van der Werve

Maerten van Heemskerck

Drag & drop if you like

or dislike it

Go on! Drag me around!

Are you sure?!

I don't like him aswell

He doesn't like you I'm afraid

Meet at Frans Hals!

Game 1 of 3

lock
lock

Game 2 of 3