Resizing LCP

Lega Ciclismo Professionistico utilizza cookie e tecnologie simili per analizzare come i visitatori utilizzano il nostro sito Web, per consentire la condivisione di contenuti sui social media e per adattare i contenuti e gli annunci pubblicitari del sito alle vostre preferenze. Tali cookie vengono inseriti anche da terze parti. Facendo clic su "Accetta" accetti questo. Consulta le nostre impostazioni dei cookie per una descrizione dei cookie per i quali chiediamo il tuo permesso.

Seguici sui social

Lombardia 2019: sarà dedicato a Gimondi
Lombardia 2019: sarà dedicato a Gimondi Lombardia 2019: sarà dedicato a Gimondi



Autore

admin

Tags Bergamo ciclismo ciclismo cup ciclismo cup 2019 ciclismo professionistico Como Felice Gimondi Lega Ciclismo Lega del Ciclismo Professionistico Mauro Vegni rcs RCS sport

Autore articolo:

La tragica scomparsa di Felice Gimondi ha lasciato il segno nel mondo del ciclismo. E questo mondo, dopo i tanti messaggi di dolore e cordoglio, si sta già muovendo per diverse iniziative ispirate alla sua memoria e ai suoi successi in bicicletta che hanno fatto appassionare migliaia di tifosi. “Gli sarà dedicato il Giro di Lombardia di sabato 12 ottobre – spiega Mauro Vegni, direttore della corsa rosa –. Nemmeno a farlo apposta, scatterà dalla sua Bergamo per concludersi a Como. Già l’anno scorso Felice aveva dato il via, quando aveva incontrato e abbracciato il campione del mondo Alejandro Valverde. Non vedo una occasione migliore o più giusta per ricordarlo nella sua città e tra la sua gente. Un campione popolarissimo, amato da generazioni di tifosi, ma sempre molto schivo. Quando saliva sul palco e parlava della sua storia, invece, uscita un altro personaggio. La sua forza d’animo, anche la sua parte ironica e divertente. Sembrava burbero, ma aveva una grande umanità”.

Sulla stessa lunghezza d’onda le parole di Paolo Bellino, amministratore delegato e direttore generale di Rcs Sport: “Io giocavo in spiaggia con la sua biglia e quando la prendevi, vincevi. Sempre. Perchè Gimondi era un vincente. Facevamo la battaglia per avere la sua pallina. Lui era un simbolo di quell’Italia degli anni ’70-’80 che vinceva. Lo metto assieme a miti come Adriano Panatta o Pietro Mennea, i più grandi di quell’epoca e punti di riferimento non solo a livello di sport. Penso a loro come alfieri della nostra società e cultura, l’immagine migliore dell’Italia in giro per il mondo. Ogni volta che ho parlato con lui ho incontrato un grande uomo”.

Esplora altre news

Game 3 of 3

Dislike
Frans Hals

Koos Breukel

Jan van Scorel

Guido van der Werve

Maerten van Heemskerck

Drag & drop if you like

or dislike it

Go on! Drag me around!

Are you sure?!

I don't like him aswell

He doesn't like you I'm afraid

Meet at Frans Hals!

Game 1 of 3

lock
lock

Game 2 of 3