LCP

Lega Ciclismo Professionistico utilizza cookie e tecnologie simili per analizzare come i visitatori utilizzano il nostro sito Web, per consentire la condivisione di contenuti sui social media e per adattare i contenuti e gli annunci pubblicitari del sito alle vostre preferenze. Tali cookie vengono inseriti anche da terze parti. Facendo clic su "Accetta" accetti questo. Consulta le nostre impostazioni dei cookie per una descrizione dei cookie per i quali chiediamo il tuo permesso.

Seguici su instagram

A GIRO DELLA ROMAGNA SBOCCIA IL TALENTO DI ANTONIO MORGADO
A GIRO DELLA ROMAGNA SBOCCIA IL TALENTO DI ANTONIO MORGADO A GIRO DELLA ROMAGNA SBOCCIA IL TALENTO DI ANTONIO MORGADO



Autore

admin

Tags 2024 ciclismo giro di romagna morgado

Autore articolo:

l vincitore dell’87° Giro della Romagna PRO è il ventenne portoghese António Morgado (UAE Team Emirates), vicecampione del mondo U23 lo scorso anno, al primo successo tra i professionisti dopo aver già chiuso al quinto posto il Giro delle Fiandre.

Il Giro della Romagna è tornata a disputarsi dopo 13 anni di assenza, con 133 corridori in gara per 20 team; 16 le Nazioni rappresentante in corsa. Da Lugo a Castrocaro Terme e Terra del Sole, il pubblico non ha mai fatto mancare l’applauso per questo ritorno in calendario.

L’87° Giro della Romagna è anche una luce che resta accesa su territori colpiti dall’alluvione del 2023, oltre che una tappa di avvicinamento al Grand Départ del Tour de France dall’Italia, nello stesso mese in cui è prevista anche L’Etape Parma by Tour de France, in programma sabato 27 e domenica 28 aprile.

 

LA CORSA

La giornata ha visto diversi tentativi di attacco nelle prime fasi, ma la fuga è partita dopo circa cinquanta chilometri: Filippo D’Aiuto (General Store), Lukas Ruegg (Team Vorarlberg), José Antonio Prieto (Petrolike), Matthew Kingston (Mg.K Vis Colors for Peace), Filippo Agostinacchio (Beltrami TSA Tre Colli), Atsushi Oka (JCL Team Ukyo), Tommaso Cafueri e Giovanni Zordan (Zalf Euromobil Désirée Fior).
Salendo verso il primo passaggio sul GPM di Bagnolo, solo D’Aiuto e Agonistinacchio sono rimasti al comando, con D’Aiuto a proseguire in solitaria nell’azione a seguire, tanto da essere premiato a fine gara da Raffaele Barosi, presidente dell’azienda Technipes, con il premio di miglior scalatore del Giro della Romagna.
Da dietro, al suono della campana, rientravano su D’Aiuto altri cinque atleti: Giovanni Carboni (JCL Team Ukyo), António Morgado (UAE Team Emirates), Mattia Bais (Team Polti Kometa), José Félix Parra Cuerda (Equipo Kern Pharma) e Joan Bou Company (Euskaltel-Euskadi).
Isaac Del Toro (UAE Team Emirates) cercava di rientrare a sua volta nell’ultimo passaggio in salita, ma riusciva solo a raggiungere D’Aiuto. Allo sprint tra i primi cinque, intanto, il compagno Morgado aveva la meglio su Bou e Bais.
Ordine d’arrivo:

1. António Morgado (UAE Team Emirates) 196 km in 4h30’03” alla media di 43,547 km/h

2. Joan Bou Company (Euskaltel-Euskadi) s.t.

3. Mattia Bais (Team Polti Kometa) s.t.

4. Giovanni Carboni (JCL Team Ukyo) s.t.

5. Jose Felix Parra Cuerda (Equipo Kern Pharma) s.t.

6. Isaac Del Toro Romero (UAE Team Emirates) a 43″

7. Filippo D’Aiuto (General Store-Essegibi-F.lli Curia) s.t.

8. Filippo Fiorelli (VF Group-Bardiani CSF-Faizané) a 58″

9. Davide De Cassan (Team Polti Kometa) s.t.

10. Thomas Pesenti (JCL Team Ukyo) s.t.

Esplora altre news