Lega del Ciclismo Professionistico


Lascia un commento

Giro: Hesjedal e Wiggins si ritirano

Il  canadese vincitore dell’ultima edizione Roger Hesjedal e l’inglese Bradley Wiggins, il vincitore del Tour 2012, hanno lasciato la corsa  rosa che affronta oggi la tappa più lunga da Busseto a Cherasco di 254 chilometri.  Per Wiggins, che ieri era uscito di classifica perdendo più di 3 minuti in una tappa di pianura lunga solo 134 km, problemi di salute con febbre e infezione alle vie respiratorie.


Lascia un commento

Giro 4^tappa: vince Battaglin (Bardiani-CSF), Paolini ancora in rosa. Wiggins perde 17″

Vince il giovane Battaglin (Bardiani CSF) su Felline (Androni) e Visconti (Movistar), Luca Paolini mantiene la maglia rosa, Wiggins perde 17 secondi (probabilmente a causa di una caduta di Salerno – Cannondale).

ordine d’arrivo

1 Enrico Battaglin (Ita) Bardiani Valvole-CSF Inox 6:14:19
2 Fabio Felline (Ita) Androni Giocattoli
3 Giovanni Visconti (Ita) Movistar Team
4 Rigoberto Uran Uran (Col) Sky Procycling
5 Arnold Jeannesson (Fra) FDJ
6 Cadel Evans (Aus) BMC Racing Team
7 Benat Intxausti Elorriaga (Spa) Movistar Team
8 Ryder Hesjedal (Can) Garmin-Sharp
9 Robert Kiserlovski (Cro) RadioShack Leopard
10 Luca Paolini (Ita) Katusha

seguono con lo stesso tempo

11 Tanel KANGERT EST AST
12 Franco PELLIZOTTI ITA AND
13 Vincenzo NIBALI ITA AST
14 Samuel SANCHEZ GONZALEZ ESP EUS
15 Mauro SANTAMBROGIO ITA VIN
16 Giampaolo CARUSO ITA KAT
17 Steven KRUIJSWIJK NED BLA
18 Robert GESINK NED BLA
19 Carlos Alberto BETANCUR GOMEZ COL ALM
20 Wilco KELDERMAN NED BLA

classifica generale

1 Luca Paolini (Ita) Katusha 15:18:51
2 Rigoberto Uran Uran (Col) Sky Procycling 0:00:17
3 Benat Intxausti Elorriaga (Spa) Movistar Team 0:00:26
4 Vincenzo Nibali (Ita) Astana Pro Team 0:00:31
5 Ryder Hesjedal (Can) Garmin-Sharp 0:00:34
6 Bradley Wiggins (GBr) Sky Procycling
7 Giampaolo Caruso (Ita) Katusha 0:00:36
8 Sergio Luis Henao Montoya (Col) Sky Procycling 0:00:37
9 Mauro Santambrogio (Ita) Vini Fantini-Selle Italia 0:00:39
10 Cadel Evans (Aus) BMC Racing Team 0:00:42


Lascia un commento

Giro del Trentino: Nibali batte tutti in salita e vince il Giro del Trentino. Bene anche Santambrogio secondo, Wiggins rimonta dopo un incidente meccanico, ma si arrende nel finale

Il trionfo Astana completato dal giovane Fabio Aru, quarto oggi a Sega di Ala e maglia di miglior giovane. Svanisce invece il sogno di vittoria di Bouet, uno dei primi a staccarsi in salita che era partito stamattina con un vantaggio di 3’48”. Sulle durissime rampe di Sega di Ala discreta prestazione anche per Cadel Evans.

Ordine d’arrivo ultima tappa

1  Vincenzo Nibali – AST
2  Mauro Santambrogio – VIN 07”
3  Przemyslaw      Niemiec – LAM 44”
4  Fabio Aru – AST 44”
5  Cadel Evans – BMC 1′ 02”
6  Stefano Locatelli – BAR 1′ 10”
7  Stefano Pirazzi – BAR 1′ 35”
8  Marcos Garcia Fernandez – CJR 1′ 37”
9  Bradley Wiggins – SKY 1′ 39”
10  Pierre Rolland – EUC 2′ 20”

Classifica generale finale

1  Vincenzo Nibali – AST  
2  Mauro Santambrogio – VIN 21”
3  Maxime Bouet – ALM 55”
4  Fabio Aru – AST 1′ 16”
5  Bradley Wiggins – SKY 1′ 40”
6  Przemyslaw      Niemiec – LAM 1′ 45”
7  Stefano Pirazzi – BAR 2′ 15”
8  Cadel Evans – BMC 2′ 18”
9  Stefano Locatelli – BAR 3′ 05”
10  Pierre Rolland – EUC 3′ 22”

 

Documenti: Ordine d’arrivo 4a tappaClassifica generale (tutte le altre classifiche e le informazioni sul sito ufficiale www.girodeltrentino.com)


Lascia un commento

Giro del Trentino: Siutsou tutto solo in vetta a Vetriolo, in parità il primo duello in salita tra Wiggins e Nibali

Il grande ciclismo abita qui, al Giro del Trentino: come previsto, la prima tappa con arrivo in salita ha regalato uno spettacolo superbo – tra corsa e paesaggi della  Valsugana – preannunciando altre due puntate memorabili da qui a venerdì. Né si può dire che la montagna abbia partorito un topolino: Kanstantsin Siutsou, compagno di squadra di Bradley Wiggins, è un signor corridore e la sua vittoria solitaria a Vetriolo Terme è assolutamente meritata, su questo non si discute. “Bradley ci aveva lasciato libertà di provare qualcosa, e a 9 km dal termine ho sfruttato l’opportunità, visto che nessuno teneva il gruppo in quel momento. Quella di oggi era una tappa di resistenza, come piace a me, e ho messo a frutto l’ottimo lavoro svolto in allenamento nelle ultime settimane”, il commento del bielorusso.

Encomiabile intanto il francese Maxime Bouet, vincitore della prima semitappa a Lienz, che si è difeso egregiamente (ventesimo a 2’23”) e contro ogni previsione si è ripreso la maglia di leader con un margine residuo di 3’19” sullo stesso Siutsou. “Mi era dispiaciuto perdere la maglia – le parole dell’atleta transalpino – ma in qualche modo è stato un bene, perché ha permesso alla squadra di lavorare al meglio e portarmi in buona posizione nel finale. Adesso mi rimangono tre minuti, possono essere pochi o tanti: abbastanza per sperare in un podio. Adesso temo Siutsou, ma Wiggins pedala con una facilità impressionante…”
A 8 km dall’arrivo il bielorusso ha attaccato in compagnia di Pierre Rolland e Stefano Pirazzi, liberandosi poi della loro compagnia in bello stile. Sembrava  che l’azione del biondo atleta del Team Sky dovesse solo fare da staffetta alle grandi firme, ma cosi non è stato: benché Vincenzo Nibali abbia scatenato la bagarre ai -3, Siutsou ha tirato dritto con passo sicuro precedendo di  4” un bravissimo Mauro Santambrogio (un bel nome nuovo per il Giro d’Italia) e di 19” proprio Nibali, sulla cui ruota, implacabile, c’era Bradley Wiggins. Quinto, una manciata di secondi più indietro il vincitore dello scorso anno, Domenico Pozzovivo, che dunque si conferma in lizza per il successo finale anche stavolta, malgrado una concorrenza ancora più serrata.

Tirando le somme, la tappa di Vetriolo Terme ha detto chiaramente che il Team Sky è al momento il padrone di questo Giro del Trentino, e che Sir Bradley Wiggins ha una buonissima gamba. Nibali è apparso combattivo ed anche lui sostenuto da un’ottima squadra (spicca nell’ordine di arrivo la settima piazza del giovane Aru). Cadel Evans non ha brillato ma si è difeso bene (10° a 45”). Incoraggiante la prova di Ivan Basso (che ha incassato poco più di un minuto da Wiggins e Nibali), mentre si può parlare di una prestazione deludente per Michele Scarponi e Franco Pellizotti, naufragati ad oltre 4’ dal vincitore.

Che questi siano verdetti definitivi, è tutto da verificare: di certo, l’ulteriore esame di venerdì a Sega di Ala darà una drastica sforbiciata alle speranze rosa di molti. La sensazione è che il refrain delle prime due giornate del Giro del Trentino possa diventare il tema dominante del Giro d’Italia (Sky vs. Astana, Wiggins vs. Nibali) con tutti gli altri nei panni di outsider: ma chiaramente la controprova di Sega di Ala è determinante per dirlo con qualche certezza. Nel frattempo domani, giovedì, il Giro del Trentino riparte da Pergine Valsugana e arriva a Condino, dopo 176,1 km, in una tappa apparentemente più leggera ma pur sempre con due GPM, uno dei quali a 16 km dalla conclusione. Diretta su Raisport2 ed Eurosport dalle 14,30 alle 16,00.

Lienz (AUT), 17 aprile 2013

 

Documenti: Ordine d’arrivo 2a tappaClassifica generale (tutte le altre classifiche e le informazioni sul sito ufficiale www.girodeltrentino.com)


Lascia un commento

Giro del Trentino 2^ semitappa: domina la Sky di Wiggins, bene anche Astana e Lampre.

Skygiro TrentinoORDINE D’ARRIVO CRONOSQUADRE  14,1 km

1  Sky Procycling                15’20” 
2  Astana Pro Team a 13”
3  Lampre – Merida a 16”
4 Team Netapp – Endura  a 24”
5 Team Europcar  a 35”
6 Bardiani Valvole – CSF Inox  a 35”
7 Vini Fantini – Selle Italia a 39”
8 Androni Giocattoli a 44”
9 BMC Racing Team a 49”
10 Cannondale a 49”

a seguire
11. MTN 16:11 a 51″
12. CCC 16:12 a 52″
13. Rusvelo 16:18 a 58″
14. Caja Rural-RGA 16:19 a 59″
15. Ag2r La Mondiale 16:25 a 1’05”
16. Colombia 16:26 a 1’06”
17. Flaminia 16:28 a 1’08”
18. Champion System 17:02 a 1’42”

CLASSIFICA GENERALE dopo la prima giornata
1. Cerny (CCC)
2. Bouet (AG2R) +11″
3. Rodriguez (COL) + 16″
4. Van Rensburg (MTN) +44″
5. Kochetkov (RVL) +49″


Lascia un commento

Il Giro del Trentino accoglie “Sir” Wiggins con quattro giorni di sfida senza frontiere 2013

Parata di stelle al 37° Giro del Trentino che prenderà il via da Lienz (Austria) il 16 Aprile

La vertiginosa crescita di importanza e di prestigio internazionale che il Giro del Trentino ha compiuto dalla sua nascita (1962) fino ad oggi si sostanzia con una 37.sima edizione, in programma dal 16 al 19 aprile pp.vv., la cui qualità del campo-partenti non ha precedenti. L’obbiettivo che gli organizzatori del GS Alto Garda si erano proposti dal momento in cui l’UCI ha promosso questo appuntamento alla categoria 2.HC – ovvero farne un evento di reale caratura internazionale – è stato centrato in pieno ed i numeri parlano da soli: le 18 formazioni al via allineeranno 144 corridori di 28 nazioni da ogni parte del mondo.

L’odierna presentazione ufficiale svoltasi presso Cassa Centrale delle Casse Rurali Trentine a Trento – a cui hanno preso parte autorità, giornalisti, tecnici e campioni del ciclismo – ha dato l’esatta percezione dell’attesa fortissima che caratterizza il Giro del Trentino 2013: non potrebbe essere altrimenti considerando la presenza al via di sei vincitori di grandi giri, capeggiati da quel Bradley Wiggins trionfatore dell’ultimo Tour de France e primo britannico nella storia del ciclismo ad indossare la maglia gialla ai Campi Elisi. A sfidarlo un altro vincitore del Tour, l’australiano Cadel Evans, e tre maglie rosa: Michele Scarponi, Ivan Basso, Stefano Garzelli. Ma il guanto della sfida più stimolante viene lanciato da Vincenzo Nibali (che ha finora al suo attivo un trionfo nella Vuelta a Espana), dichiaratamente candidato alla vittoria nell’imminente Giro dove tutti questi grandi rivali lo attendono al varco.

“Una corsa di questo livello e di tale attrattiva è il massimo che potessimo desiderare”, ha sottolineato Giacomo Santini, presidente del GS Alto Garda, che ha ricevuto i complimenti dell’Assessore Provinciale al Turismo, Agricoltura e Commercio, Tiziano Mellarini e dell’Assessore all’Istruzione e allo Sport Marta Dalmaso, compiaciuti di come questo evento sia diventato uno straordinario volano mediatico per il Trentino.

Quest’anno, peraltro il Giro del Trentino varca i confini portando la partenza a Lienz, città che già da tempo ha costruito un solido legame affettivo con questa gara a tappe. Tutta la prima giornata, martedì 16 aprile, si svolgerà in terra austriaca, con una semitappa in linea al mattino e l’attesa crono a squadre pomeridiana, importante test in vista della corsa rosa. Poi la mattina di mercoledì 17 aprile la partenza ancora in Austria, a Sillian, e l’arrivo in Valsugana, sull’aspra ascesa di Vetriolo Terme, destinata a dare una prima consistente scossa alla classifica (dal percorso originario è stato cancellato il Passo di Lavazè, per problemi dovuti ad una frana). Giovedì 18 tappa di media difficolta da Pergine a Condino, prima del gran finale venerdì 19 con la Arco-Sega di Ala, dove è atteso l’ultimo verdetto su una salita inedita e di grande difficoltà – con strappi al 20% – dove il Giro del Trentino conta di riproporre il grande spettacolo offerto lo scorso anno a Punta Veleno.

Proprio la spettacolarità di questa corsa – seguita dai media nazionali e internazionali come poche altre – è alla base del suo crescente successo, attestato da una partecipazione sempre più qualificata: sei quest’anno sono le formazioni World Tour con l’esordio assoluto del Team Sky, lo squadrone britannico che ha appunto in Sir Bradley Wiggins – nominato “baronetto” di Sua Maestà dopo la vittoria al Tour de France – il suo personaggio di riferimento. Tuttavia la corsa, al di fuori dei “tenori” che portano in dote le loro glorie nei grandi giri, sarà vivacizzata da ulteriori protagonisti altrettanto accreditati tra cui Domenico Pozzovivo (vincitore a sorpresa della scorsa edizione), Pierre Rolland e Franco Pellizotti.

La gara sarà coperta televisivamente da Raisport che tuttavia non ha ancora confermato la diretta da tempo programmata per tutti i quattro giorni di gara. “Auspichiamo una soluzione positiva, sarebbe un grave danno per noi non vedere premiata la qualità del nostro evento”, ha commentato Giacomo Santini, Presidente del GS Alto Garda.

Le tappe del 37° Giro del Trentino:

Martedì 16 aprile: 1a semitappa Lienz-Lienz, km 128,5; 2a semitappa cronosquadre a Lienz, km 14,1

Mercoledì 17 aprile: Sillian-Vetriolo Terme, km 224,8

Giovedì 18 aprile: Pergine Valsugana- Condino (Valle del Chiese), km 176,1

Venerdì 19 aprile: Arco-Sega di Ala, km 166,8


Lascia un commento

Giro del Trentino 2013: Evans sfida Wiggins, Nibali e Basso

05/04/2013 16.53.47
Evans sfida Wiggins, Nibali e Basso al Giro del Trentino

Dal 16 al 19 aprile un’edizione stellare con tanti big al nastro di partenza – Presentazione
ufficiale lunedì 8 aprile presso la Sede Centrale delle Casse Rurali Trentine, a
Trento, alle ore 11

Arco (TN) (5/4) – Un’altra maglia gialla si aggiunge alla già straordinaria collezione di stelle annunciate al via del 37° Giro del Trentino (16-19 Aprile). L’australiano Cadel Evans,
vincitore del Tour de France 2011 e alfiere della BMC Racing, formazione vincitrice della cronosquadre di apertura dell’edizione 2012, è l’ultimo nome di spicco ad approdare nell’elenco degli iscritti della corsa a tappe al via da Lienz il prossimo martedì 16 aprile.
E’ un edizione unica quella che attende la corsa organizzata dal GS Alto Garda, quest’anno come non mai ricchissimo antipasto delle sfide che si consumeranno sulle strade del Giro d’Italia: come Evans, infatti, anche il suo successore nell’albo d’oro della Grande Boucle, Sir
Bradley Wiggins, Vincenzo Nibali e Ivan Basso svolgeranno in Trentino l’ultimo vero e significativo test prima di sfidarsi per la maglia rosa.
Con l’arrivo di Evans sono ben sei i vincitori di grandi corse a tappe attesi al via del Giro
del Trentino: oltre a Wiggins, Nibali e Basso, anche Michele Scarponi e Stefano
Garzelli cercheranno di mettersi in luce nelle 4 giornate di gara, e non va dimenticato Domenico Pozzovivo, che a Lienz attaccherà sulla schiena il dorsale numero 1 dopo aver meritatamente conquistato l’ultima edizione del Trentino.
Sei formazioni del circuito World Tour (Lampre-Merida, Cannondale Pro Cycling, Astana, Ag2r La Mondiale, BMC Racing e Team Sky), popoleranno la partenza di Lienz assieme alle migliori compagini Pro-Continental nazionali e internazionali.
Oltre ai Campioni d’Italia dell’Androni Giocattoli Venezuela, alla Bardiani CSF, alla Vini Fantini Selle Italia e al Team Colombia, protagonista un anno fa nel panorama innevato del Passo Pordoi, si presenterà al via il Team Europcar guidato dal talentuoso francese Pierre Rolland, vincitore due anni or sono sull’Alpe d’Huez e già brillantissimo nell’avvicinamento
all’appuntamento italiano.
Sempre fra le formazioni straniere si segnala il ritorno della cinese Champion System e l’esordio assoluto della sudafricana MTK-Qhubeka, che dopo l’insperata vittoria alla Milano-Sanremo non nasconde ambizioni di protagonismo in Trentino con lo spagnolo Sergio Pardilla.
Il ricchissimo menù dell’edizione 2013 sarà svelato a pubblico e stampa nella
presentazione ufficiale fissata per lunedì prossimo, 8 Aprile 2013, presso la Sede Centrale delle Casse Rurali Trentine, a Trento, alle ore 11.00.
Nell’occasione, saranno presentati tutti i dettagli delle quattro giornate di gara, e a quel punto non resterà che aspettare qualche giorno: un Giro del Trentino “grandi firme” è ormai alle porte.

da Federciclismo