Lega del Ciclismo Professionistico


Lascia un commento

Coppa Italia 2013: classifica individuale dopo il Giro del Trentino

Coppa Italia – Classifica Individuale dopo 6 prove

1 SANTAMBROGIO Mauro Vini Fantini- Selle Italia 168
2 ULISSI Diego* Lampre-Merida 135
3 NIBALI Vincenzo Astana 130
4 RUBIANO CHAVEZ Miguel Angel Androni Giocattoli 80
5 POZZATO Filippo Lampre-Merida 72
6 CUNEGO Damiano Lampre-Merida 68
7 ARU Fabio* Astana 65
8 PONZI Simone Astana 52
9 NIEMIEC Przemyslaw Lampre-Merida 50
10 REDA Francesco Androni Giocattoli 47
11 BASSO Ivan Cannondale 46
12 PIRAZZI Stefano Bardiani-CSF 45
13 SAGAN Peter* Cannondale 40
14 REBELLIN Davide CCC Polsat 36
15 LOCATELLI Paolo * Bardiani-CSF 34
16 BENNATI Daniele Saxo Bank – Tinkoff 32
17 BARBIN Enrico* Bardiani-CSF 29
18 NOCENTINI Rinaldo AG2R 28
19 BONGIORNO Francesco Manuel* Bardiani-CSF 28
20 FELLINE Fabio* Androni Giocattoli 26
21 VISCONTI Giovanni Movistar 26
22 ZAMPARELLA Marco Utensilnord Ora24.eu 24
23 DUQUE Leonardo Fabio Colombia 23
24 CARUSO Damiano Cannondale 23
25 MOSER Moreno* Cannondale 20
26 TABORRE Fabio Vini Fantini- Selle Italia 17
27 CAMPAGNARO Simone Nippo-De Rosa 15
28 SCARPONI Michele Lampre-Merida 15
29 GATTO Oscar Vini Fantini- Selle Italia 13
30 PELLIZOTTI Franco Androni Giocattoli 13


Lascia un commento

Coppa Italia 2013: classifica a squadre dopo il Giro del Trentino

Il dominio Astana al “Giro del Trentino”, con le vittorie di Vincenzo Nibali e i piazzamenti del giovane Fabio Aru, non ha impedito alle formazioni italiane in lizza per la Coppa Italia di fare bella figura, pur in presenza di formazioni di altissimo livello come SKY, BMC, AG2R e EUROPCAR. Valgono quondi molto, in considerazione della concorrenza,  gli ottimi piazzamenti nella classifica a squadre dalla Bardiani-CSF di Pirazzi e Locatelli (settimo e nono della generale) e della Vini Fantini-Selle Italia del brillante Santambrogio, secondo nella classifica individuale finale. Bene anche Androni, molto continua, e Colombia, mentre un poco sotto alle aspettative è andata la Cannondale di Basso. Lampre mantiene la leadership provvisoria della Coppa Italia grazie alla tenuta del polacco Niemiec, sempre tra i primi in salita, e alle prestazioni se pur discontinue di Michele Scarponi.

Classifica dopo 6 prove

1 Lampre-Merida 331
2 Androni Giocattoli 246
3 Cannondale 176
4 Bardiani-CSF 173
5 Colombia 145
6 Vini Fantini-Selle Italia 144

Classifica aggiornata a lunedì 22 aprile 2013


Lascia un commento

Giro del Trentino: Nibali batte tutti in salita e vince il Giro del Trentino. Bene anche Santambrogio secondo, Wiggins rimonta dopo un incidente meccanico, ma si arrende nel finale

Il trionfo Astana completato dal giovane Fabio Aru, quarto oggi a Sega di Ala e maglia di miglior giovane. Svanisce invece il sogno di vittoria di Bouet, uno dei primi a staccarsi in salita che era partito stamattina con un vantaggio di 3’48”. Sulle durissime rampe di Sega di Ala discreta prestazione anche per Cadel Evans.

Ordine d’arrivo ultima tappa

1  Vincenzo Nibali – AST
2  Mauro Santambrogio – VIN 07”
3  Przemyslaw      Niemiec – LAM 44”
4  Fabio Aru – AST 44”
5  Cadel Evans – BMC 1′ 02”
6  Stefano Locatelli – BAR 1′ 10”
7  Stefano Pirazzi – BAR 1′ 35”
8  Marcos Garcia Fernandez – CJR 1′ 37”
9  Bradley Wiggins – SKY 1′ 39”
10  Pierre Rolland – EUC 2′ 20”

Classifica generale finale

1  Vincenzo Nibali – AST  
2  Mauro Santambrogio – VIN 21”
3  Maxime Bouet – ALM 55”
4  Fabio Aru – AST 1′ 16”
5  Bradley Wiggins – SKY 1′ 40”
6  Przemyslaw      Niemiec – LAM 1′ 45”
7  Stefano Pirazzi – BAR 2′ 15”
8  Cadel Evans – BMC 2′ 18”
9  Stefano Locatelli – BAR 3′ 05”
10  Pierre Rolland – EUC 3′ 22”

 

Documenti: Ordine d’arrivo 4a tappaClassifica generale (tutte le altre classifiche e le informazioni sul sito ufficiale www.girodeltrentino.com)


Lascia un commento

Giro del Trentino: Siutsou tutto solo in vetta a Vetriolo, in parità il primo duello in salita tra Wiggins e Nibali

Il grande ciclismo abita qui, al Giro del Trentino: come previsto, la prima tappa con arrivo in salita ha regalato uno spettacolo superbo – tra corsa e paesaggi della  Valsugana – preannunciando altre due puntate memorabili da qui a venerdì. Né si può dire che la montagna abbia partorito un topolino: Kanstantsin Siutsou, compagno di squadra di Bradley Wiggins, è un signor corridore e la sua vittoria solitaria a Vetriolo Terme è assolutamente meritata, su questo non si discute. “Bradley ci aveva lasciato libertà di provare qualcosa, e a 9 km dal termine ho sfruttato l’opportunità, visto che nessuno teneva il gruppo in quel momento. Quella di oggi era una tappa di resistenza, come piace a me, e ho messo a frutto l’ottimo lavoro svolto in allenamento nelle ultime settimane”, il commento del bielorusso.

Encomiabile intanto il francese Maxime Bouet, vincitore della prima semitappa a Lienz, che si è difeso egregiamente (ventesimo a 2’23”) e contro ogni previsione si è ripreso la maglia di leader con un margine residuo di 3’19” sullo stesso Siutsou. “Mi era dispiaciuto perdere la maglia – le parole dell’atleta transalpino – ma in qualche modo è stato un bene, perché ha permesso alla squadra di lavorare al meglio e portarmi in buona posizione nel finale. Adesso mi rimangono tre minuti, possono essere pochi o tanti: abbastanza per sperare in un podio. Adesso temo Siutsou, ma Wiggins pedala con una facilità impressionante…”
A 8 km dall’arrivo il bielorusso ha attaccato in compagnia di Pierre Rolland e Stefano Pirazzi, liberandosi poi della loro compagnia in bello stile. Sembrava  che l’azione del biondo atleta del Team Sky dovesse solo fare da staffetta alle grandi firme, ma cosi non è stato: benché Vincenzo Nibali abbia scatenato la bagarre ai -3, Siutsou ha tirato dritto con passo sicuro precedendo di  4” un bravissimo Mauro Santambrogio (un bel nome nuovo per il Giro d’Italia) e di 19” proprio Nibali, sulla cui ruota, implacabile, c’era Bradley Wiggins. Quinto, una manciata di secondi più indietro il vincitore dello scorso anno, Domenico Pozzovivo, che dunque si conferma in lizza per il successo finale anche stavolta, malgrado una concorrenza ancora più serrata.

Tirando le somme, la tappa di Vetriolo Terme ha detto chiaramente che il Team Sky è al momento il padrone di questo Giro del Trentino, e che Sir Bradley Wiggins ha una buonissima gamba. Nibali è apparso combattivo ed anche lui sostenuto da un’ottima squadra (spicca nell’ordine di arrivo la settima piazza del giovane Aru). Cadel Evans non ha brillato ma si è difeso bene (10° a 45”). Incoraggiante la prova di Ivan Basso (che ha incassato poco più di un minuto da Wiggins e Nibali), mentre si può parlare di una prestazione deludente per Michele Scarponi e Franco Pellizotti, naufragati ad oltre 4’ dal vincitore.

Che questi siano verdetti definitivi, è tutto da verificare: di certo, l’ulteriore esame di venerdì a Sega di Ala darà una drastica sforbiciata alle speranze rosa di molti. La sensazione è che il refrain delle prime due giornate del Giro del Trentino possa diventare il tema dominante del Giro d’Italia (Sky vs. Astana, Wiggins vs. Nibali) con tutti gli altri nei panni di outsider: ma chiaramente la controprova di Sega di Ala è determinante per dirlo con qualche certezza. Nel frattempo domani, giovedì, il Giro del Trentino riparte da Pergine Valsugana e arriva a Condino, dopo 176,1 km, in una tappa apparentemente più leggera ma pur sempre con due GPM, uno dei quali a 16 km dalla conclusione. Diretta su Raisport2 ed Eurosport dalle 14,30 alle 16,00.

Lienz (AUT), 17 aprile 2013

 

Documenti: Ordine d’arrivo 2a tappaClassifica generale (tutte le altre classifiche e le informazioni sul sito ufficiale www.girodeltrentino.com)


Lascia un commento

Giro del Trentino 2^ semitappa: domina la Sky di Wiggins, bene anche Astana e Lampre.

Skygiro TrentinoORDINE D’ARRIVO CRONOSQUADRE  14,1 km

1  Sky Procycling                15’20” 
2  Astana Pro Team a 13”
3  Lampre – Merida a 16”
4 Team Netapp – Endura  a 24”
5 Team Europcar  a 35”
6 Bardiani Valvole – CSF Inox  a 35”
7 Vini Fantini – Selle Italia a 39”
8 Androni Giocattoli a 44”
9 BMC Racing Team a 49”
10 Cannondale a 49”

a seguire
11. MTN 16:11 a 51″
12. CCC 16:12 a 52″
13. Rusvelo 16:18 a 58″
14. Caja Rural-RGA 16:19 a 59″
15. Ag2r La Mondiale 16:25 a 1’05”
16. Colombia 16:26 a 1’06”
17. Flaminia 16:28 a 1’08”
18. Champion System 17:02 a 1’42”

CLASSIFICA GENERALE dopo la prima giornata
1. Cerny (CCC)
2. Bouet (AG2R) +11″
3. Rodriguez (COL) + 16″
4. Van Rensburg (MTN) +44″
5. Kochetkov (RVL) +49″


Lascia un commento

Giro del Trentino 2013: la fuga a otto va in porto, vince Maxime Bouet (AG2R)

logo giro del trentinoBouet, che sorpresa a Lienz, la corsa sfugge al controllo dei big

E’ il Giro del Trentino dei grandi nomi e delle grandi sorprese, a giudicare dall’esito della prima semitappa mattutina a Lienz che ha condotto alla vittoria ed alla prima maglia di leader il francese Maxime Bouet della AG2R, la squadra di Domenico Pozzovivo, vincitore della scorsa edizione. “Pozzovivo è il nostro leader e lavoreremo per lui”, ha detto il francese, felice di poter dedicare questa vittoria al figlio nascituro. Il risultato è scaturito da una fuga nata in partenza e promossa da otto uomini:  Maxime Bouet (Ag2r La Mondiale), Josef Cerny (CCC Polsat), Michael Rodriguez (Team Colombia), Nicola Dal Santo (Ceramica Flaminia Fondriest), Enzo Moyano (Caja Rural), Pavel Kochetkov (Rusvelo), Jacques Janse Van Rensburg (MTN Qhubeka), Gang Xu (Champion System).

Le squadre hanno evidentemente sottovalutato questo plotoncino di outsider, arrivati ad un vantaggio massimo di 8’50”, né si è vista una concreta reazione dei big nel finale, tanto è vero che il gruppo ha accumulato quasi 7 minuti di ritardo. Probabilmente la cronosquadre pomeridiana modificherà leggermente la situazione, ma soprattutto bisognerà vedere se la tappa di domani, mercoledì 17, a Vetriolo Terme potrà ripristinare la normalità.

Intanto Bouet, che si è giocato la tappa in uno sprint a tre vinto sul ceko Cerny e il colombiano Rodriguez, si gode il magic-moment: “Le corse italiane mi ispirano, anche se rientravo dopo tre settimane e non avevo una condizione particolare. Mi sono trovato in quella fuga e ho dato tutto per arrivare in fondo, sapevo di essere il più veloce. Non vincevo da due anni ma un successo così è molto appagante. Abbiamo un bel vantaggio sui favoriti, ma non credo di avere chances per la classifica. Da oggi in poi noi della AG2R ci dedicheremo a Pozzovivo”.

Lienz (AUT), 16 aprile 2013

Documenti: Ordine d’arrivo 1a semitappaClassifica generale (tutte le altre classifiche e le informazioni sul sito ufficiale www.girodeltrentino.com)

 


Lascia un commento

Coppa Italia, la corsa al titolo riparte dal Trentino

Uno degli appuntamenti più importanti: in palio tanti punti

Riparte con il Giro del Trentino la caccia alla Coppa Italia a squadre e individuale. E non sarà una gara qualsiasi, perché quella trentina – prova a tappe HC – è uno degli appuntamenti più importanti dell’intera stagione e mette in palio tanti punti. Al comando della classifica a squadre c’è la Lampre Merida seguita dalla Androni Venezuela che insegue dichiaratamente l’ennesimo posto per il Giro d’Italia. Obiettivo d’obbligo per Bardiani Csf e Vini Fantini: recuperare terreno per non dare sin d’ora addio ai sogni.

da Tuttobiciweb.it

CLASSIFICA A SQUADRE
1     Lampre-Merida     261
2     Androni Giocattoli     166
3     Cannondale     111
4     Colombia     90
5     Bardiani-CSF     83
6     Vini Fantini-Selle Italia     59

Coppa Italia-Campionato Italiano a Squadre Classifica Individuale dopo 5 prove (primi 30)

1 ULISSI Diego* Lampre-Merida 135
2 RUBIANO CHAVEZ Miguel Angel Androni Giocattoli 80
3 POZZATO Filippo Lampre-Merida 72
4 CUNEGO Damiano Lampre-Merida 68
5 SANTAMBROGIO Mauro Vini Fantini- Selle Italia 56
6 PONZI Simone Astana 52
7 REDA Francesco Androni Giocattoli 47
8 BASSO Ivan Cannondale 42
9 SAGAN Peter* Cannondale 40
10 BENNATI Daniele Saxo Bank – Tinkoff 32
11 BARBIN Enrico* Bardiani-CSF 29
12 BONGIORNO Francesco Manuel* Bardiani-CSF 28
13 NOCENTINI Rinaldo AG2R 28
14 REBELLIN Davide CCC Polsat 28
15 VISCONTI Giovanni Movistar 26
16 FELLINE Fabio* Androni Giocattoli 26
17 ZAMPARELLA Marco Utensilnord Ora24.eu 24
18 CARUSO Damiano Cannondale 23
19 DUQUE Leonardo Fabio Colombia 23
20 MOSER Moreno* Cannondale 20
21 TABORRE Fabio Vini Fantini- Selle Italia 17
22 CAMPAGNARO Simone Nippo-De Rosa 15
23 PELLIZOTTI Franco Androni Giocattoli 13
24 GATTO Oscar Vini Fantini- Selle Italia 13
25 QUINTERO Carlos Julian Colombia 12
26 FAVILLI Elia* Lampre-Merida 11
27 CANOLA Marco Bardiani-CSF 10
28 SCARPONI Michele Lampre-Merida 10
29 SELLA Emanuele Androni Giocattoli 8
30 MALORI Adriano Lampre-Merida 7

l’asterisco segnala i corridori under 25 che partecipano alla Classifica Giovani