Lega del Ciclismo Professionistico


Lascia un commento

Durante la sessione di aggiornamento delle figure che operano nel mondo professionistico è stata presentata la nuova Riforma UCI, dopo l’accantonamento della precedente. Le associazioni chiedono sostenibilità per tutti i livelli, più condivisione informazione e trasparenza.


A Salsomaggiore Terme si è svolto oggi il corso organizzato da Lega, Settore Studi e CNDCS della FCI Italiana con la collaborazione delle Associazioni del professionismo dei Direttori Sportivi (Adispro) degli Organizzatori (AIOCC) dei Gruppi Sportivi (Legagruppi) e dei corridori (Accpi) – Partecipata Tavola Rotonda su “La Riforma del Ciclismo” prevista per il 2017, le cui linee guida sono state illustrate da Van Damme, presidente della Federazione belga

Salsomaggiore Terme (PR) (22/11) – L’intensa giornata dedicata alla formazione e aggiornamento di competenze delle importanti figure che operano nel mondo del ciclismo professionistico ha visto un’ottima partecipazione. In apertura il saluto del Presidente Di Rocco: “Questo seminario unisce tutte le componenti del ciclismo professionistico italiano ed è un’occasione straordinaria per fare il punto della situazione e trovare insieme le risposte alle tematiche che riguardano il nostro movimento nel quadro dell’evoluzione del ciclismo mondiale. Dobbiamo anche guardare oltre il biennio olimpico in cui siamo entrati. Nel 2017 scatta la riforma elaborata dall’UCI. Credo che tutte le componenti del professionismo (Atleti, Organizzatori, Direttori Sportivi) debbano sforzarsi di analizzare con estremo realismo il processo di globalizzazione in atto anche nel nostro sport.”.
Di Rocco ha concluso il suo saluto invitando a operare con apertura mentale e spirito di squadra, secondo il grande insegnamento di Alfredo Martini e Franco Ballerini, ripreso da Paolo Bettini e oggi da Davide Cassani.
Dopo la sessione mattutina dedicata alla formazione obbligatoria per i neo-professionisti, per i direttori di organizzazione ed ai DS,  organizzazione ed ai DS, si è aperta nel pomeriggio la Tavola Rotonda sulla Riforma UCI con il saluto di Vincenzo Scotti, presidente della Lega del Ciclismo Professionistico.
A seguire, l’intervento di Mauro Vegni, direttore del Giro d’Italia, che ha ripercorso l’iter della riforma, frutto di due anni di mediazione, ricordando come da alcune criticità evidenziate dagli attori partecipanti si è arrivati a una nuova stesura della proposta, poi illustrata da  TomVan Damme, presidente della Federazione Belga, nonché dirigente UCI.
“ L’Italia insieme al Belgio rappresenta la base del ciclismo, quello vecchio ma anche quello nuovo. Quella in cui viviamo è un’epoca di sviluppo, malgrado i problemi che abbiamo, e oggi il ciclismo è uno sport globalizzato. Questa globalizzazione ha quindi richiesto una riforma che prevede un calendario gare anche in altri Paesi. Nel nuovo progetto di riforma le basi non cambiano: maggior trasparenza, visibilità, credibilità e stabilità. Tutti dobbiamo compiere uno sforzo. E’ necessario pensare in termini globali, e non è sempre facile” .
Linee guida nuovo Progetto di Riforma
Le linee guida del nuovo progetto di Riforma del ciclismo, un documento, ha sottolineato più volte Van Damme, ancora in divenire, partono dalla problematica emersa nella proposta precedente legata alla divisione B che, per necessità, è stata semplificata perché mancava di logica considerando anche la difficoltà, dal punto di vista del marketing, di vendere la stessa categoria. L’UCI ha fatto una nuova proposta che si riduce in:
1. World Tour UCI > World Team, con l’idea di avere 16 squadre
2. UCI Challenge Tour > con l’idea di avere dalle 18 alle 22 squadre
3. Circuiti Continental o Continental Team con Development Team UCI.
Van Damme ha sottolineato come l’attuazione di queste linee guida, ancora una base di lavoro, sono da vedere in prospettiva futura, dal 2017 in avanti. Ha poi evidenziato come questa nuova proposta: “Non disegna un circuito chiuso, ma una buona piattaforma per favorire la partecipazione. e la crescita. L’idea è che ci sia movimento tra le categorie sia rispetto alle squadre sia rispetto alle corse stesse. Anche le gare dovranno presentare un piano marketing ed economico e chi rispetta i parametri potrà salire di categoria.
Da analizzare ancora le linee di partecipazione delle squadre. Le Continental dovranno comunque avere il passaporto biologico. Tuttavia deve essere ancora deciso come tutto questo sarà messo in pratica”.

Van Damme ha poi concluso così il suo intervento: “Nei nostri paesi gli organizzatori e le squadre hanno ambizioni. Queste sono le linee guida, i dettagli sono ancora da definire”.
Dopo l’intervento di Van Damme, si sono espresse tutte le componenti del ciclismo.
Mauro Vegni, direttore del Giro nella sua veste di organizzatore ha così commentato: “L’aspetto importante di questa riforma è che non prefigura un sistema chiuso, dando così a tutti gli attori in campo aspettative di miglioramento e di crescita. La stabilità, inoltre, deve essere garantita non solo nelle squadre di fascia alta. Vanno cioè contemperate le esigenze di ognuno, partendo dal presupposto che tutti dovremmo sacrificare qualcosa perché tutti facciamo parte di un processo in atto”.
Stefano Feltrin, consigliere di Lega nonché componente della Commissione Strada UCI e responsabile dei GS, è così intervenuto: “Abbiamo già fatto presente all’UCI come la nuova riforma non sia il frutto di una condivisione, ma solo di una imposizione. È necessaria una riforma secondo un iter concordato e non imposto”. Feltrin ha posto l’accento poi sulla questione della tutela dell’eventuale team che retrocede.
Luca Guercilena, team manager, ha paventato che con questa riforma sia alto il rischio di deprofessionalizzazione. “Chi ci rimette sono i tecnici e poi gli atleti. La speranza è che il criterio di stabilità sia rispettato”.
Federico Scaglia, in rappresentanza dei corridori ha posto l’accento sul non equilibrio insito nella v ecchia formulazione della riforma e sull’importanza di dare una sempre più chiara informazione soprattutto agli atleti.
La parola al Presidente Di Rocco, che ha sottolineato come “Abbiamo grosse potenzialità, ma se non le mettiamo in atto perderemo tutti qualcosa. Più siamo sinergici e coordinati, più riusciremo ad esprimere queste potenzialità’.
A conclusione Van Damme ha ringraziato per i primi feedback ricevuti sottolineando ancora che le linee guida sono un documento sottoposto a revisione e che si farà portavoce con il presidente Cookson di quanto emerso.
La Tavola Rotonda si è chiusa con le parole del Presidente Scotti: “C’è un interesse supremo che deve unire tutti. Vi invito a farvi promotori di proposte con la capacità di individuare le criticità della riforma. La stabilità nasce dalla sostenibilità e dobbiamo tutti esserne consapevoli”.

 

 

 


Lascia un commento

Atleti: il 29 a Salsomaggiore il primo appuntamento

Successo pieno per il primo corso formativo  dedicato alle atlete e agli atleti italianiPlatea

29 novembre 2013

Giornata intensa e produttiva quella ospitata nel Palazzo Congressi di Salsomaggiore Terme e organizzata dal Centro Studi della Federazione Ciclistica Italiana, in collaborazione con la Lega del Ciclismo Professionistico e l’A.C.C.P.I. come.primo corso di aggiornamento e formazione rivolto agli atleti per il rilascio della tessera/licenza valida per la stagione 2014. C’erano tutti. Da Diego Ulissi a Vincenzo Nibali, passando per Ivan Basso, Michele Scarponi, Damiano Cunego, Adriano Malori, Moreno Moser, Luca Paolini, Rinaldo Nocentini, Filippo Pozzato e ancora, la pluricampionessa del mondo Giorgia Bronzini, al fianco di Tatiana Guderzo, Elisa Longo-Borghini e la giovane Rossella Ratto, bronzo ai mondiali di Toscana 2013 ma anche Marco Aurelio Fontana, campione della MTB Francesca Fenocchio e Andrea Pusateri, atleti paralimpici. Per citarne alcuni. “Voi siete il ciclismo – dice il presidente Renato Di Rocco – la vostra adesione così numerosa oggi rende onore a questo sport. Ieri la Federciclismo ha ospitato a Roma il Direttivo Uec (European Cycling Union) dove è intervenuto anche il presidente dell’UCI, Brian Cookson. Il dialogo con la federazione internazionale è aperto tanto che, con l’occasione, ho esposto il nostro programma per la giornata di oggi ed stato accolto con molto entusiasmo”. Al fianco di Di Rocco anche il sindaco di Salsomaggiore Terme Filippo Fritelli, il Vice Presidente Vicario della FCI Daniela Isetti, il vicepresidente di FCI e Lega Michele Gamba ed il CT Paolo Bettini che ha sottolineato: “Non è necessario essere campioni per fare del ciclismo di alto livello. La vostra presenza così numerosa oggi è sintomo che siete consapevoli e responsabili. Ai neo professionisti chiedo di essere curiosi, dinamici attenti, non solo sulle due ruote, ma al mondo che li circonda”. Numerosi gli argomenti trattati: Massimo Cacciari, filosofo, accademico e politico italiano ha parlato di etica nello sport ma senza moralismo: “Fare sport vuol dire creare una comunità, in cui convivono competizione e amicizia, che liberamente sceglie di aderire a delle leggi/regole. Voi professionisti vivete in una dimensione straordinaria perché avete la responsabilità di dimostrare che  lo sport, inteso come esercizio fisico e come espressione di gioia, si può realizzare. Il pubblico capisce la straordinarietà dello sport e quanto voi sportivi rendete simbolico ciò che fate. Distruggere le leggi in cui avete scelto di aderire o barare vuol dire distruggere la vostra casa, la vostra dimensione”. Massimo Cacciari, ha ricevuto la Maglia Rosa autografata dai campioni, Vincenzo Nibali, Michele Scarponi, Ivan Basso e Gianni Bugno.Cacciari_Atleti Significativi gli interventi di Marco Bellinazzo e Dario Ceccarelli, giornalisti de il Sole 24 Ore e Radio24, dal titolo “L’impatto economico delle sponsorizzazioni” dove si è posto l’accento sui motivi che, ancora oggi ed in un momento così delicato, spingono uno sponsor verso il ciclismo. “I rapporti con i Media” tesi a cura di Luca Corsolini, giornalista di Sky Sport e docente della Scuola dello Sport del Coni, ha concluso la sessione di lavori in comune, moderata dal direttore di TuttoBici, Pier Augusto Stagi, e rivolto ai professionisti e neoprofessionisti, donne élite, paralimpici e atleti del fuoristrada. Corsolini ha conquistato la platea degli atleti ricordando loro che, soprattutto oggi in una realtà dominata dai social network, ognuno di loro è un vero e proprio mezzo di comunicazione. Nel tardo pomeriggio i lavori si sono differenziati per categoria. I professionisti e neoprofessionisti hanno partecipato alla sessione con tema “La riforma del ciclismo” a cura della Lega del Ciclismo Professionistico e dell’Assocorridori, che hanno illustrato la proposta formulata dall’UCI  e le criticità che la Lega del Ciclismo Professionistico e la FCI hanno già evidenziato alla federazione internazionale. E’ nato un dibattito che ha avuto per protagonisti gli atleti stessi: “Grazie per i vostri preziosi suggerimenti di cui ci faremo portavoce. Solo se state uniti e compatti si potrà far valere le vostre opinioni e le vostre idee” – dice Federico Scaglia, segretario generale dell’A.C.C.P.I. Mentre, le donne élite, gli atleti del fuoristrada e quelli del paraciclismo hanno partecipato alla tesi esposta, tramite collegamento dall’Afghanistan con il Tenente Colonnello dell’aeronautica militare Emanuele Spigolon, dal titolo “Il Passaggio da Team a gruppo vincente”. L’entusiasmo ha invaso tutti gli atleti presenti, compreso il CT Bettini che ha coordinato l’intervento. A seguire la sessione di lavori si è conclusa con Luca Corsolini che ha esposto il tema della “Responsabilità sociale delle organizzazioni sportive”. Per acclamazione, a fine giornata, Cristian Salvato è stato eletto nuovo Presidente dell’A.C.C.P.I.

comunicato stampa congiunti FCI, LCP, ACCPI

foto Soncini


Lascia un commento

Atleti prof. : il 29 novembre a Salsomaggiore il primo corso obbligatorio di aggiornamento-formazione per tutti i professionisti e neoprofessionisti

COMUNICATO N. 40 del 29 ottobre 2013

CORSO AGGIORNAMENTO-FORMAZIONE ATLETI PROFESSIONISTI

 Il Settore Studi, in collaborazione con la Lega del Ciclismo Professionistico e l’A.C.C.P.I., l’Assocorridori, comunicano a tutti gli Atleti Professionisti  e Neoprofessionisti che il corso di aggiornamento-formazione obbligatorio, previsto dalla delibera federale del 28 giugno 2013,  loro riservato si terrà il giorno 29 novembre 2013 presso il Palazzo dei Congressi di Salsomaggiore.
Gli orari di inizio lavori sono i seguenti: ore 11:00 per gli atleti Neoprofessionisti; ore 13:30 per gli atleti Professionisti.
Si ricorda che la partecipazione è obbligatoria ai fini del rilascio della tessera/licenza valida per la stagione 2014.
Eventuali assenze andranno preventivamente comunicate e giustificate alla Segreteria del Settore Studi e della Lega del Ciclismo Professionistico (centrostudi@federciclismo.it e legaciclismoprof@gmail.com).
L’accettazione della giustificazione non estingue l’obbligo dell’aggiornamento-formazione.
Con un successivo comunicato verrà trasmesso il programma definitivo dei lavori che coinvolgeranno anche il settore elite femminile e il settore paralimpico.
Gli atleti non professionisti, ma appartenenti a G.S. UCI Continental, sono invitati, senza obbligo di presenza, a partecipare ai corsi di aggiornamento riservati ai Neoprofessionisti.

PROGRAMMA 29 novembre 2013 senza stampa e assemblea ACCPI


Lascia un commento

ACCPI: lettera aperta del Segretario Assocorridori Federico Scaglia

Riportiamo di seguito la lettera aperta del segretario dell’ACCPI, Federico Scaglia

Le dure critiche mosse ultimamente da tre giornalisti sull’operato dell’ACCPI («associazione molto più di palazzo che di lotta» con un «presidente in evidente confiltto di interessi», l’«unico sindacato che attacca i suoi associati invece di proteggerli»), con tanto di foto del sottoscritto, mi spingono a scrivere alcune brevi riflessioni che chiariscano una volta per tutte le recenti prese di posizione dell’Associazione Corridori Ciclisti Professionisti Italiani.
Sono fermamente convinto, e questo è sempre stato il mio faro da quando ricopro il ruolo di segretario dell’Assocorridori, che ogni cosa, prima di essere fatta o scritta, debba essere coerente alla risposta che ciascuno di noi vuole darsi alla seguente domanda: «ma io da che parte sto?”».
Io francamente non ho capito da che parte stanno i tre giornalisti che hanno scritto dell’Associazione in modo così sommario e disinformato, ma posso dire da che parte sta il sottoscritto, da che parte stanno i miei due preziosi collaboratori Simone e Stella, da che parte sta la nostra addetta stampa Giulia, da che parte sta il nostro Direttivo che ci ha sempre guidato con passione e spirito critico, da che parte sta Nico quando ci rappresenta nella commissione tecnica, da che parte stanno Andrea, Massimo e Beppe quando partecipano, senza percepire alcun compenso, alle sedute del fondo di accantonamento e, non da ultimo, da che parte sta il nostro Presidente Amedeo.
Noi stiamo dalla parte dei corridori che rispettano le regole.
Noi stiamo dalla parte dei corridori che faticano, si allenano, rischiano la vita tutti i giorni sulla strada per la soddisfazione di tagliare il traguardo sopra alla loro bicicletta.
Noi stiamo dalla parte di ogni atleta che subisce torti, soprusi e ricatti da chi, facendo valere una posizione di forza, si sente in diritto di non rispettare le regole.
E stiamo dalla parte di quei ragazzi che per il gesto scellerato di un proprio compagno di squadra vedono compromessa non solo la propria immagine di corridore, ma forse anche la possibilità di continuare a tagliare traguardi sopra una bici.
Ed è sulla base di tale linea che noi abbiamo improntato tutta la nostra azione in questi quattro anni, indipendentemente dal soggetto che occorreva contrastare.
Non ho mai avuto uno stop dal Presidente o dal Consiglio Direttivo, ma semmai spinte e stimoli, allorché ci si è dovuti muovere contro una squadra (equipaggiata Shimano, ndr) che aveva deciso di non pagare più gli stipendi ad un corridore a seguito di un grave incidente, oppure contro la Federazione per un’assurda delibera che non consentiva ai corridori sanzionati per doping di partecipare al campionato italiano, oppure contro un politico che voleva organizzare corse senza peraltro pagare i relativi premi, oppure contro un magistrato o dei comici per i quali siamo tutti drogati, oppure (perché no?) contro i nostri associati che con il loro comportamento irresponsabile danno ancora fiato a quel magistrato o a quei comici.
Venerdì 21 pv è fissata l’assemblea generale ACCPI. In tale sede si discuterà di quanto è stato fatto, nonché dei tanti problemi che affliggono il nostro sport.
A tutti i giornalisti che fossero interessati a conoscere le azioni e gli obiettivi dell’ACCPI basterà bussare alla nostra porta o far squillare il nostro telefono o incontrarci al termine dell’assemblea.
Saremo ben lieti di confrontarci con ciascuno di loro.

Federico Scaglia
segretario generale ACCPI


Lascia un commento

Comunicato Stampa: al termine della due giorni di Salsomaggiore le associazioni del professionismo,la Lega Ciclismo e la FCI prendono un posizione comune sulla riforma del ciclismo

Affrontare la sfida da protagonisti, trasformare le difficoltà in opportunità

Abbiamo vissuto un anno di difficoltà dovuto alle vicende del doping e alla pesante situazione economica globale che ha avuto gravi ricadute anche sul movimento ciclistico. Squadre  e organizzatori  italiani, in un mondo sempre più globalizzato, hanno subito una contrazione delle risorse che si è manifestata anche in una riduzione delle manifestazioni del calendario italiano e della possibilità di  continuare un percorso di valorizzazione di atleti ad alto livello.

Gli incontri di questi  giorni, in cui abbiamo riunito tutte le componenti:  Assocorridori, Direttori Sportivi, Gruppi Sportivi e Organizzatori, hanno consentito di lavorare assieme, analizzando con un approccio consapevole le problematiche di un mondo che cambia sempre più rapidamente e che è legato indissolubilmente agli aspetti della comunicazione e del linguaggio.

La storia e il ruolo del ciclismo italiano, non solo nel nostro paese,  ma nel mondo, la presenza e il potenziale dei nostri giovani corridori, il patrimonio tecnico e professionale, le scelte coraggiose e lungimiranti della nostra federazione in questi ultimi anni, impongono a tutte le componenti del professionismo di accettare la sfide della globalizzazione, trasformare le difficoltà in opportunità e partecipare attivamente al cambiamento con proposte concrete e coerenti.

Abbiamo guardato con interesse alle iniziative “Manifesto per un ciclismo credibile” soprattutto perché motivano l’opinione pubblica e danno forza a chi, all’interno del ciclismo, nel mondo, si batte per l’affermazione di quei valori.

Non dobbiamo sfuggire alle nostre responsabilità a partire dalla trasparenza e chiarezza sul tema del doping .  Dobbiamo  lavorare assieme come sistema per vincere la sfida globale: la nostra forza e il nostro futuro è quello di coinvolgere le nuove generazioni in un ciclismo pulito e credibile, che selezioni il merito e che risponda alle sfide economiche in termini di sostenibilità finanziaria delle organizzazioni e di attrazione di sponsor.

Per il nostro paese e’ necessario quindi un cambio urgente delle regole  che fino ad oggi  hanno inciso sulla possibilità di competere con altri sistemi più incentivanti per il ciclismo e hanno concorso a  impedire una risposta alla bufera economica e alla sfida della globalizzazione.

Ogni ipotesi di riforma annunciata non può essere portata avanti con una deregolamentazione selvaggia e una concentrazione di potere in mano a pochi che perseguano soprattutto un obiettivo di profitto.

Come nel mondo finanziario l’assenza di regole  e di norme etiche ha portato alla crisi globale, anche nel nostro sport, una deregulation e una concentrazione delle decisioni nelle mani di pochi  e con evidenti conflitti di interesse, non possono che portare ad una crisi di sistema e ad una perdita dei valori fondanti del nostro sport.

Le riforme che si annunciano non possono riprendere ricette già bocciate dalla storia recente. Occorre che le riforme delle regole siano accompagnate da un cambiamento di governance  mondiale del ciclismo che eviti le posizioni dominanti sul mercato e dia spazio al merito che è alla base dei ogni attività umana.

Realizzando un coinvolgimento reale di tutte le componenti nelle scelte, noi proporremmo una riforma efficace e strutturale lungo queste linee.  In tal modo il ciclismo italiano sarà protagonista ancora una volta della crescita del movimento

Tutte le componenti del ciclismo convengono sulla urgente necessità di iniziative della Lega, in accordo stretto con la Federazione Ciclistica Italiana, sia per approfondire tecnicamente i contenuti delle nostre proposte sia per realizzare alleanze internazionali e sia per contrastare con gli strumenti che le leggi europee ci consentono posizioni dominanti e conflitti di interesse  sia infine per coinvolgere con una grande iniziativa l’opinione pubblica e tutti coloro che nel nostro paese amano il ciclismo.


Lascia un commento

LEGA CICLISMO: 2 giorni a Salsomaggiore con DS, neopro, Direttori di Organizzazione

Dalla collaborazione tra Lega del Ciclismo, Centro Studi Federale, Scuola dello Sport del CONI e con il coinvolgimento diretto delle Associazioni di categoria di Direttori Sportivi professionisti, Enti Organizzatori e Corridori è stata organizzata per il prossimo week-end a Salsomaggiore una due giorni dedicata essenzialmente alla formazione e all’aggiornamento delle varie categorie, ma che vedrà, nel pomeriggio di sabato 24 novembre, un importante momento di sintesi finale, presieduto dal Professor Vincenzo Scotti, Presidente della Lega Ciclismo, cui parteciperanno tutte le componenti del ciclismo professionistico.

Molte le tematiche trattate nei vari incontri e interventi previsti a partire dalle 14 di venerdì 23 fino alle 16 di sabato 24 novembre. scarica il PROGRAMMA 23-24 novembre 2012

 

 


Lascia un commento

ADISPRO: appuntamento il 23 e 24 novembre a Salsomaggiore

ADISPRO. Tutto pronto per il convegno annuale

L’ADISPRO, l’associazione italiana direttori sportivi professionisti, fissa venerdì 23 e sabato 24 novembre l’appuntamento con l’annuale due giorni di lavoro; un’occasione importante per confrontarsi sugli aspetti tecnici e gestionali della propria professione e per fare il punto sull’attività svolta. Il convegno – all’interno del quale la consueta assemblea ordinaria avrà carattere elettivo – saluta per quest’anno il Convento della “Castellina”, sede storica degli appuntamenti ADISPRO, e approda nelle sale dell’Hotel Valentini di Salsomaggiore Terme. Il focus dei lavori approfondirà i vari aspetti di quella che, come recita il titolo, è la “responsabilità del tecnico nel ciclismo professionistico” grazie anche e soprattutto ad una serie di interventi dall’elevato tasso di professionalità. Tra gli altri, interverranno infatti la Scuola dello Sport del CONI, per discutere l’aspetto sociale e la gestione dei conflitti, e l’Università Bocconi che con il professor Favero illustrerà la teoria economica legata al ciclismo. Interessante sarà anche il confronto con la realtà australiana, modello mostrato da Brian Stephens dell’Australian Institute of Sport.    Oltre alla verifica interna sulle attività svolte dall’associazione nazionale e all’elezione del nuovo direttivo, non mancherà una sessione di lavoro centrata sul confronto con le altre componenti di primo piano nel panorama del ciclismo. Un dibattito importante, gestito in sinergia con la Lega Ciclismo, la Federazione (FCI), le associazioni dei corridori (ACCPI) e degli organizzatori (AOCC), e del quale l’ADISPRO si è fatta fortemente promotore.   


Lascia un commento

A Carpi il grande cuore del ciclismo: i campioni donano le bici alle società colpite dal terremoto

In un grande weekend di sport a Carpi (sabato la gran fondo ciclistica, domenica con la maratona) un importante momento di solidarietà. Sette società ciclistiche giovanili della Bassa – cinque della Provincia di Modena (S.C. Mirandolese, S.C. San Marinese, Ciclistica Novese, Ciclistica San Felice, S.C. Sozzigalli), una della Provincia di Reggio Emilia (Ciclistica Reggiolese) e una della Provincia di Ferrara (Stella Alpina Renazzo) – hanno ricevuto sabato 13 ottobre una donazione di biciclette e materiale tecnico che aiuterà questi sodalizi a continuare l’attività anche in un momento così difficile, quattro mesi dopo il terribile terremoto di fine maggio.

L’iniziativa promossa dall’organizzazione della Settimana Tricolore 2012 in Valsugana e dall’A.C.C.P.I. (l’associazione dei corridori professionisti italiani) è diventata una piccola festa in cui tanti bambini si sono stretti intorno ai campioni venuti a testimoniare la loro vicinanza: alla cerimonia sono infatti intervenuti tre professionisti, Alessandro Bertolini (nella foto), Giacomo Nizzolo e Alan Marangoni.

Momenti come questi sono una grande spinta per ritornare lentamente alla vita normale”, ha detto Enrico Campedelli, Sindaco di Carpi, a cui ha fatto eco l’Assessore allo sport della Provincia di Modena, Stefano Vaccari: “I danni sono stati enormi, ma ogni piccolo tassello, ogni piccolo aiuto rafforza il coraggio delle nostre popolazioni così duramente colpite”. Davide Balboni, presidente regionale della Federciclismo, ha aggiunto: “E’ bello che la famiglia ciclistica sappia essere così coesa nei momenti di difficoltà”.

A rappresentare il Trentino e la sua Settimana Tricolore è stato il Presidente del Comitato Organizzatore Stefano Ravelli, che si è fatto portavoce di tutte le componenti che hanno contribuito al successo dei Campionati Italiani del giugno scorso: “Lo sport è uno straordinario strumento di coesione, e speriamo che anche grazie a questo gesto queste squadre e questi ragazzi possano continuare nella loro attività e pedalare verso il ritorno a una vita normale.”

Ai giovani ciclisti presenti, i tre campioni del professionismo hanno voluto indirizzare un importante messaggio di incoraggiamento: “Il ciclismo è uno sport di fatica che insegna a rialzarsi nei momenti difficili, insegna che quando si cade bisogna ritornare in sella e pedalare. Vivete la bicicletta come un gioco, come svago”. Di questo in effetti hanno bisogno i giovani delle aree colpite dal sisma nel difficile e lento ritorno alla vita di tutti i giorni.

Dobbiamo stare vicini a questi bambini, a questi ragazzi costretti in molti casi a vivere nelle tendopoli insieme alle loro famiglie. Per loro questo è un momento psicologicamente molto difficile, non mancano alcuni casi di depressioni, e lo sport può essere un grande aiuto. Noi ce la mettiamo tutta”, ha detto il dirigente di una delle società premiate.