LCP

Lega Ciclismo Professionistico utilizza cookie e tecnologie simili per analizzare come i visitatori utilizzano il nostro sito Web, per consentire la condivisione di contenuti sui social media e per adattare i contenuti e gli annunci pubblicitari del sito alle vostre preferenze. Tali cookie vengono inseriti anche da terze parti. Facendo clic su "Accetta" accetti questo. Consulta le nostre impostazioni dei cookie per una descrizione dei cookie per i quali chiediamo il tuo permesso.

Seguici su instagram

Giro d’Italia, Enzo Ghigo (LCP): “Sostegno e solidarietà agli organizzatori”
Giro d’Italia, Enzo Ghigo (LCP): “Sostegno e solidarietà agli organizzatori” Giro d’Italia, Enzo Ghigo (LCP): “Sostegno e solidarietà agli organizzatori”



Autore

admin

Tags ciclismo Giro d'Italia Lega Ciclismo Morbegno

Autore articolo:

La Lega del Ciclismo Professionistico esprime tutta la sua solidarietà nei confronti degli organizzatori di Rcs Sport e di tutti coloro che si stanno impegnando a portare a termine l’edizione numero 103 del Giro d’Italia. La decisione presa dalla maggioranza dei corridori in merito alla diciannovesima tappa, da Morbegno ad Asti, è sbagliata nei modi e nel merito.

Questa la condanna di Enzo Ghigo, Presidente della Lega del Ciclismo Professionistico, in merito a quanto accaduto: “Di fronte agli sforzi di concludere il Giro d’Italia, in un mese inedito come quello di ottobre e nel pieno di una pandemia, la pretesa del gruppo di accorciare arbitrariamente la diciannovesima tappa è una mancanza di rispetto nei confronti di tutto lo sport, del pubblico in strada e a casa, ma anche verso il personale e gli addetti ai lavori dislocati sul percorso. Determinate rivendicazioni, portate avanti con i modi sbagliati, danneggiano l’immagine del ciclismo e alterano l’aspetto tecnico dello stesso Giro d’Italia, entrato nella fase decisiva e che ieri avrebbe dovuto vivere una tappa tutt’altro che di trasferimento.
Il percorso e la lunghezza della frazione era noto da mesi, le temperature e la pioggia sul percorso non erano così proibitive da giustificare un epilogo simile.
La Lega Ciclismo ribadisce il massimo sostegno agli organizzatori, pronti nel trovare una valida alternativa e a garantire ancora una volta il naturale svolgimento della corsa, nonostante le molteplici difficoltà incontrate durante il Giro d’Italia e durante gli ultimi mesi difficili per tutti”.

Esplora altre news