Guerra in Ucraina: l’UCI esclude Russia e Bielorussia da tutte le competizioni

Il comitato di gestione dell’Union Cycliste Internationale (UCI) si è riunito ieri in una sessione straordinaria per discutere della situazione in Ucraina e delle misure che l’UCI intende adottare a tale riguardo. L’UCI esprime ancora una volta la sua grandissima preoccupazione per la situazione in Ucraina e condanna fermamente l’aggressione dei governi russo e bielorusso e il loro mancato rispetto della tregua olimpica. L’UCI auspica un ritorno alla pace il più rapidamente possibile e chiede il rispetto dei valori olimpici. In effetti, lo sport in generale e il ciclismo in particolare sono veicoli di pace, amicizia, solidarietà e tolleranza.

Prima di tutto, l’UCI ha deciso di offrire il suo sostegno alla comunità ciclistica ucraina e si è impegnata ad accogliere gli atleti ucraini presso l’UCI World Cycling Centre (WCC), il suo centro di istruzione e formazione ad Aigle, in Svizzera. A questo proposito, l’UCI è in contatto permanente con la Federazione Nazionale dell’Ucraina. Il Presidente dell’UCI David Lappartient, insieme al Presidente dell’Union Européenne de Cyclisme (UEC) Enrico Della Casa, incontrerà il Presidente e i rappresentanti della Federazione Nazionale Ucraina durante il Congresso UEC in Danimarca questo fine settimana per definire le procedure per venire in aiuto della comunità ciclistica ucraina.

Inoltre, l’UCI accoglie con favore le forti decisioni prese dal Comitato Olimpico Internazionale (CIO) il 28 febbraio e ha deciso di applicarle al ciclismo.

L’UCI, che rimane un’organizzazione politicamente neutrale, lamenta che le decisioni del loro governo possano avere un impatto sugli atleti russi e bielorussi, ma è necessario essere fermi nella difesa dei valori olimpici.

Come sottolineato questa mattina nel corso di una riunione di emergenza delle Federazioni Internazionali organizzata dal CIO e presieduta dal Presidente Thomas Bach – con la partecipazione di David Lappartient e del Direttore Generale dell’UCI Amina Lanaya -, si tratta di adottare misure preventive con l’obiettivo di garantire l’integrità e la sicurezza delle competizioni sportive e il rispetto dei valori olimpici.

Alla luce della situazione, il Comitato direttivo dell’UCI ha adottato all’unanimità le seguenti decisioni:

  1. Le squadre nazionali russe e bielorusse e / o le selezioni nazionali non sono autorizzate a partecipare ad alcun evento del calendario internazionale UCI, con effetto immediato.
  2. Lo status di squadra UCI è revocato a tutte le squadre di nazionalità russa o bielorussa e l’UCI non prenderà in considerazione ulteriori domande per lo status UCI da parte di squadre di questi due paesi. Il ritiro dello status di UCI Team riguarda le seguenti squadre:
  • UCI ProTeam Gazprom – RusVelo (RUS)
  • UCI Continental Team Vozrozhdenie (RUS)
  • UCI Track Team Marathon – Tula Cycling Team (RUS)
  • UCI Continental Team CCN Factory Racing (BLR)
  • UCI Continental Team Minsk Cycling Club (BLR)
  • UCI Women’s Continental Team Minsk Cycling Club (BLR).
  1. L’UCI cancella tutti gli eventi russi e bielorussi dal calendario internazionale dell’UCI 2022 e non prende in considerazione ulteriori richieste di registrazione. I seguenti eventi sono interessati dal recesso dal Calendario Internazionale UCI:
  • Grand Prix Moscow 1: gara su pista di classe 2 (20-21 maggio 2022)
  • Granfondo Mosca: UCI Granfondo World Series (21-22 maggio 2022)
  • Grand Prix Moscow 2: gara su pista di categoria 2 (22 maggio 2022)
  • Grand Prix Saint-Petersburg: gara su pista di categoria 2 (26-29 maggio 2022)
  • Five Rings of Moscow: evento su strada di classe 2.2 (8-12 giugno 2022).
  1. Anche i campionati nazionali russo e bielorusso sono ritirati dal calendario internazionale UCI.
  2. L’apparizione di tutti gli emblemi, nomi, acronimi, bandiere e inni legati alla Russia e alla Bielorussia è vietata in tutti gli eventi del Calendario Internazionale UCI. Le maglie dei campioni nazionali russo e bielorusso sono quindi vietate.
  3. Eventuali offerte di candidati russi e bielorussi per l’organizzazione di eventi UCI non sono prese in considerazione.
  4. L’UCI vieta agli organizzatori di eventi del Calendario Internazionale UCI di invitare club russi e bielorussi, squadre regionali o miste.
  5. L’UCI non nominerà commissari internazionali russi o bielorussi agli eventi del calendario internazionale UCI fino a nuovo avviso.
    L’UCI desidera chiarire che i titolari di licenze russe e bielorusse sono autorizzati a partecipare agli eventi del calendario internazionale UCI con le rispettive squadre a condizione che siano registrati con una squadra UCI che non è né russa né bielorussa. I corridori russi e bielorussi possono anche partecipare agli eventi del calendario internazionale UCI se è autorizzata la registrazione individuale.

Qualsiasi partecipazione di atleti russi o bielorussi deve essere in veste neutrale e gli organizzatori sono pregati di ritirare qualsiasi riferimento alla Russia o alla Bielorussia, inclusi il nome, gli emblemi, gli acronimi e le bandiere, e sostituirli con un riferimento o una denominazione neutrale su tutti i documenti relativi all’evento e in linea con le istruzioni che devono essere fornite dall’UCI.

La decisione di non imporre un divieto generale agli atleti russi e bielorussi in tutti gli eventi internazionali si basa sull’ottenimento di un equilibrio di tutti gli interessi. In particolare, si tratta di tenere conto dei diritti contrattuali dei corridori e delle squadre interessate e di non penalizzare ingiustamente le squadre che non sono russe o bielorusse.

L’UCI chiede agli organizzatori, agli spettatori e ai concorrenti di rispettare i corridori russi e bielorussi nelle gare alle quali sarebbero autorizzati a partecipare.

Inoltre, il comitato di gestione dell’UCI ha deciso di introdurre un regolamento specifico che consente ai titolari di licenze russe e bielorusse con più nazionalità di richiedere una modifica della loro nazionalità sportiva senza alcuna restrizione. Sarà possibile accelerare la procedura relativa a questa misura, che già esiste nel Regolamento UCI.

Saranno studiate misure specifiche al fine di consentire ai corridori e ai membri dello staff delle squadre russe e bielorusse di iscriversi a una squadra UCI che non è né russa né bielorussa al di fuori dei periodi di registrazione.

Per quanto riguarda le Federazioni Nazionale Russa e Bielorussa, e in linea con le risposte date dal CIO questa mattina durante l’incontro con i Presidenti delle Federazioni Internazionali, non è necessario sospenderle perché non sono implicate nella violazione della Tregua Olimpica. Allo stesso modo, per quanto riguarda i membri russi e bielorussi degli organi e delle commissioni dell’UCI, l’UCI ha scelto di agire in linea con la posizione del CIO presentata questa mattina, il che significa che possono continuare a servire fino a quando non sono direttamente implicati nella violazione della tregua olimpica; in effetti, la priorità delle misure adottate oggi è garantire l’integrità e la sicurezza delle competizioni sportive.

Come parte delle sue decisioni, il Comitato di gestione dell’UCI ha anche preso posizione sulla sponsorizzazione da parte di marchi e aziende russi o bielorussi. Poiché ritiene che ciò danneggerebbe l’immagine dell’UCI e del ciclismo in generale, tale sponsorizzazione non sarà autorizzata. Alle squadre e agli organizzatori di eventi è stato pertanto chiesto di non concedere alcuna visibilità agli sponsor russi o bielorussi in occasione di eventi del calendario internazionale UCI.

Per motivi di chiarezza, tutte le misure si applicano con effetto immediato sia per quanto riguarda la Russia che la Bielorussia e coprono tutte le categorie e le discipline. Rimarranno in vigore fino a nuovo avviso. Nei prossimi giorni l’UCI pubblicherà norme ad hoc che forniranno ulteriori indicazioni sulle misure adottate oggi dal Comitato di Gestione dell’OICR. Saranno inoltre comunicate agli organizzatori di eventi direttive relative al divieto di esporre riferimenti a Russia e Bielorussia.

L’UCI specifica che nel caso in cui uno Stato decreti misure più severe riguardanti la partecipazione di corridori o squadre russe o bielorusse alle competizioni sul loro territorio, tali misure avrebbero la precedenza sulle decisioni prese dall’UCI.

L’UCI accoglie con favore la coraggiosa presa di posizione dei ciclisti e dei funzionari russi e bielorussi nel tentativo di pace. Chiede moderazione da tutte le parti del conflitto e la protezione dei civili e spera che la pace venga rapidamente ripristinata.

La posizione dell’UCI potrebbe evolversi con l’evolversi della situazione in Ucraina.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...