Le nuove misure Uci per la sicurezza in corsa dal 2021

Il Professional Cycling Council (PCC) ha approvato una serie di misure volte a migliorare le condizioni di sicurezza durante le gare su strada. Tali misure saranno sottoposte all’approvazione del comitato di gestione dell’UCI in vista della loro attuazione. La maggior parte di queste misure entrerà in vigore negli eventi UCI WorldTour e UCI Women’s WorldTour, dall’inizio del 2021 e saranno poi applicate progressivamente a tutto il calendario internazionale dell’UCI.

Le principali misure approvate dal PCC sono le seguenti:

  • la creazione della posizione di Safety Manager all’interno del Dipartimento Sportivo UCI: si occuperà della sicurezza e della supervisione della sicurezza in occasione di eventi sul Calendario Stradale Internazionale UCI;
  • il rafforzamento dell’obbligo di tutti gli organizzatori di nominare e formare un responsabile della sicurezza degli eventi; l’UCI svilupperà il contenuto della missione del Event Safety Manager e ideerà un sistema di certificazione basato sull’esperienza e sulla formazione;
  • la creazione, con la collaborazione di un fornitore esterno di servizi con esperienza nella raccolta e nell’analisi dei dati, di una banca dati degli incidenti verificatisi negli ultimi cinque anni nei principali eventi UCI WorldTour, consentendo un orientamento più efficace delle azioni che l’UCI deve intraprendere per la sicurezza in gara;
  • l’introduzione, sempre con il sostegno di un fornitore di servizi esterno e con l’aiuto di nuove tecnologie, di uno strumento che consenta all’organizzatore di beneficiare di una valutazione dei rischi nel percorso proposto diverse settimane prima della manifestazione; questo strumento consentirà all’UCI e agli organizzatori di indirizzare le loro azioni per garantire la sicurezza del percorso di gara e identificare i potenziali rischi prima degli eventi;
  • la revisione – in vista del rafforzamento – delle misure di sicurezza presenti in varie guide pubblicate dall’UCI per le diverse parti interessate (organizzatori, conducenti, regolatori, produzione televisiva, squadre, ecc.) ove necessario;
  • il miglioramento e l’ammodernamento delle specifiche relative agli elementi di protezione degli ostacoli lungo il percorso, nonché l’armonizzazione della segnaletica utilizzata lungo il percorso di gara;
  • il miglioramento della comunicazione con i corridori quando vengono prese decisioni importanti, nonché la creazione di un protocollo più dettagliato che si occupa della neutralizzazione degli eventi;
  • il miglioramento della sicurezza in settori delicati, in particolare la zona di arrivo e le sue transenne, con l’istituzione, guidata da esperti, di una serie di standard per le barriere utilizzate, in particolare per le tappe che prevedono gli sprint di gruppo; tali norme vengono stabilite in consultazione con le parti interessate e tenendo conto delle caratteristiche della moderna bicicletta professionale;
  • norme più severe riguardanti comportamenti potenzialmente pericolosi dei ciclisti, come lanciare borracce sulla strada o all’interno del gruppo (che può rappresentare un pericolo per seguire i ciclisti) e assumere posizioni pericolose sulla bici (specialmente nelle discese);
  • revisione del regolamento relativo al lancio di rifiuti e oggetti al di fuori di zone dedicate, con sanzioni adeguate;
  • una migliore supervisione per l’uso di attrezzature che potrebbero causare problemi vari (ad esempio freni a disco e portaboraccia); la UCI Equipment Commission sarà invitata a lavorare su questi temi specifici con esperti del settore e le diverse parti interessate;
  • direttive più severe per il comportamento di diversi componenti della carovana in corsa (motociclisti, piloti di veicoli e anche piloti di elicotteri televisivi);
  • l’istituzione di un giornale di bordo che consentirà il monitoraggio dell’esperienza dei conducenti e, infine, porterà all’applicazione di un sistema di patente a punti per i conducenti dei mezzi impegnati in corsa;
  • l’istituzione di un briefing più dettagliato e strutturato per tutti i conducenti prima dell’inizio di ogni manifestazione, che sarà guidato congiuntamente dal presidente del gruppo dei commissari e dall’organizzatore.

Prima di ottenere l’approvazione del PCC, le misure erano state discusse da un gruppo di lavoro dedicato alla sicurezza dei ciclisti creato dall’UCI e composto da rappresentanti delle diverse famiglie del ciclismo su strada.

Gli effetti di queste diverse misure saranno costantemente valutati e saranno esaminati dal gruppo di lavoro “Sicurezza e regolamenti tecnici” dell’UCI, che si riunirà durante il primo semestre dell’anno.

Il Presidente dell’UCI David Lappartient ha dichiarato: “«Le misure annunciate oggi ci consentono di compiere un importante passo avanti nel rafforzamento della sicurezza nelle gare su strada, che è stata una delle principali priorità dell’UCI per diversi anni. Tutte le componenti hanno condiviso le loro preoccupazioni e le soluzioni proposte, ed è su questa base che le misure annunciate sono state elaborate prima di essere approvate dai diversi organismi competenti, tra cui il Professional Cycling Council, che riunisce rappresentanti di team, organizzatori e ciclisti».

Iwan Spekenbrink, Presidente dell’Association Internationale des Groupes Cyclistes Professionnels (AIGCP) ha dichiarato: «In qualità di proprietari di team e datori di lavoro, la priorità assoluta è avere l’ambiente di gara più sicuro per i nostri ciclisti. Inoltre, un ambiente di gara sicuro è essenziale per trasmettere la migliore immagine del ciclismo agli appassionati, alla società e ai vari partner commerciali (tv, sponsor, città, ecc.). I principi che sono stati convalidati dal Professional Cycling Council sono importanti e un primo passo necessario per raggiungere questi obiettivi e portare la sicurezza in prima linea nel ciclismo su strada professionale. Non vediamo l’ora di vedere attuati questi principi, nonché di valutare frequentemente la loro attuazione».

Christian Prudhomme, Presidente dell’Association Internationale des Organisateurs de Courses Cyclistes (AIOCC), ha dichiarato: «Ogni organizzatore desidera dar vita alla gara più sicura possibile. Queste nuove misure aumentano le responsabilità per gli organizzatori, per i team e i ciclisti. Lavorando insieme, queste misure andranno a vantaggio della sicurezza e dell’immagine del ciclismo e aiuteranno a far crescere il nostro sport».

Philippe Gilbert, in rappresentanza dei corridori, ha dichiarato: «In qualità di ciclista professionista direttamente interessato da queste nuove misure, sono estremamente lieto di essere stato coinvolto e ascoltato durante tutto il processo di consultazione proposto dall’UCI. Questo mi ha permesso di esprimere direttamente le nostre preoccupazioni su argomenti importanti come la progettazione delle transenne e la garanzia che i veicoli in gara siano gestiti in sicurezza intorno ai ciclisti. Sono soddisfatto del risultato e sono lieto di vedere che il mio contributo fornirà maggiore sicurezza per noi e per la prossima generazione di piloti che seguiranno».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...