Presentato il Giro di Lombardia 2018

Non ci sarà la tanto temuta ascesa di San Fermo della Battaglia, ma il Giro di Lombardia di ciclismo resta la Classica monumento più dura. L’edizione numero 112, presentata a Como, si disputerà sabato 13 ottobre, tra un mese esatto, su un percorso che ricalca quello del 2017, quando Vincenzo Nibali con una prodezza su Civiglio bissò il successo del 2015. Da Bergamo a Como saranno 241 chilometri di inferno, con 4 mila metri di dislivello: Madonna del Ghisallo, Muro di Sormano e Civiglio, una filastrocca diventata tradizione. In quegli ultimi 70 chilometri si deciderà la “Classica delle foglie morte”, ogni metro potrà essere decisivo, perché il Lombardia è spietato. Fino a oltre metà percorso i continui saliscendi (rappresentati perfettamente da Gallo e Brianza) inondano di acido lattico i muscoli dei corridori e non concedono tregua; le dure pendenze dei tre colli successivi, invece, danno la spallata a chi non ne ha abbastanza.

Sul Ghisallo ci sarà la prima scrematura del gruppo: salita con diversi tornanti, con pendenze fino al 14%. Poi sarà il turno della Colma di Sormano. Qui si salirà fino ai 1.124 metri, con lo spauracchio di un Muro lungo 2 chilometri: asperità al 15% di media e con punte fino al 27%, strada strettissima, dentro a un boschetto. Non potrà mancare una grande selezione, con le frustate di alcuni dei big candidati alla vittoria finale. Impegnativa anche la discesa che porterà a Nesso, poi si ripre la strada del lungo lago verso Como. A 19 chilometri dall’arrivo, posto anche quest’anno sul `Lungo Lario Trento e Trieste´, ecco il Civiglio, 5 mila metri tutti al 10% di pendenza, dove una sparata può fare la differenza. Nel finale, causa problemi di viabilità in Val Fresca, mancherà l’ascesa di San Fermo della Battaglia, sostituita breve strappo di circa 1.700 metri al 5% di pendenza media, ma con punte al 9, che termina all’ingresso dell’abitato di Monte Olimpino. Da qui all’arrivo mancheranno 3 chilometri da affrontare tutti d’un fiato per decretare un solo vincitore. Strade che hanno reso celebre lo spagnolo Joachin `Purito´ Rodriguez, due volte campione al Lombardia. L’ex corridore sarà ospite d’eccezione per la Granfondo che si svolgerà il giorno successivo, domenica 14, sulle rampe del Ghisallo, Sormano e Civiglio, che conta già 1.200 iscritti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...