Adriatica Ionica, 2ª tappa: Viviani vince ancora

Elia Viviani continua a imprimere il suo splendido sigillo sull’Adriatica Ionica Race, corsa a tappe al debutto valevole come sesta prova della Ciclismo Cup 2018. Il campione olimpico di Rio 2016 si aggiudica in un emozionante sprint la seconda tappa, da Lido di Jesolo (Venezia) a Maser (Treviso), di 152,5 km, giovedì 21 giugno. Dopo il successo con la sua Quick-Step Floors nella cronosquadre inaugurale di Lido di Jesolo, il veronese continua nel suo momento magico e consolida la maglia azzurra di leader della corsa. Per Viviani, che ha battuto in volata Simone Consonni dell’Uae-Team Emirates e Mihkel Räim dell’Israel Cycling Academy, si tratta dell’undicesimo successo stagionale, una cifra che lo pone al vertice della classifica dei plurivincitori nel 2018 insieme allo spagnolo Alejandro Valverde. In classifica generale il velocista della Quick-Step Floors comanda con 10’’ sul compagno di squadra Niki Terpstra, vincitore dell’ultimo Giro delle Fiandre. Terzo a 18’’ il giovane Simone Consonni. Ma lo spettacolo dell’Adriatica Ionica Race è solo agli inizi: domani il mitico Passo Giau darà la sua sentenza in classifica generale.

Clicca qui per tutte le classifiche aggiornate dopo 2 tappe

Screenshot 2018-06-21 at 18.35.47

LA CRONACA DELLA GARA

La fuga parte subito dopo la partenza di Lido di Jesolo (Venezia). Ne fanno parte Javier Montoya (Trevigiani Phonix-Hemus 1896), Enrico Logica (Biesse Carrera Gavardo) e Matteo Draperi (Sangemini-MG.K Vis-Vega). Dopo 20 km il loro vantaggio è di 3’30’’. In cima al Montello (km 70), primo gpm di terza categoria dell’Adriatica Ionica Race, transita in testa il veneto Logica, seguito da Draperi e Montoya. Al traguardo volante di Crocetta del Montello (km 83) il primo è Draperi, che precede i compagni di fuga anche sul secondo gpm di terza categoria, posto a Paderno del Grappa (km 103). A 50 km dal traguardo, Montoya prova l’allungo quando il gruppo è a 2’28’’. Ai -30 km, il gruppo riprende Logica e Draperi, mentre Montoya continua solo in testa con 2’21’’. Il colombiano viene ripreso a 18 km all’arrivo, dopo oltre 130 km di fuga.

Gianluca Brambilla (Trek-Segafredo) e Guy Niv (Israel Cycling Academy) attaccano subito dopo, ma senza successo. Nel finale ci prova anche ValerioConti (Uae-Team Emirates) seguito da Marco Canola (Nippo-Vini Fantini), ma il gruppo incombe e chiude il distacco nell’ultimo chilometro. Lo sprint non è più rinviabile e si conclude con la vittoria di Elia Viviani su Simone Consonni e Mihkel Räim. Quarto Manuel Belletti (Androni Giocattoli-Sidermec), quinto Enrico Barbin (Bardiani-Csf) e sesto Giacomo Nizzolo (Trek-Segafredo). Mentre l’ex campione del mondo Mark Cavendish non è riuscito a disputare lo sprint frenato da una foratura.

TERZA TAPPA – MUSSOLENTE-PASSO GIAU
Domani, venerdì 22 giugno, la terza tappa dell’Adriatica Ionica Race. È la più impegnativa delle cinque giornate di gara, con oltre 4000 metri di dislivello positivo nello stupendo scenario delle Dolomiti. La partenza alle 11.15 è da Mussolente (Vicenza), nella zona delle Terre di Asolo e Montegrappa. Il gruppo entra in provincia di Belluno per il traguardo volante di Lamon (km 48,4) e poi in Trentino dalla valle del Primiero per la parte più dura della gara con le salite a Passo Rolle (20,5 km al 5,9%), Passo Valles (4,1 km all’8,6%), gran premi di montagna di prima categoria, e a Passo Giau (Belluno), dove è posto il traguardo a 2091 metri di quota. L’unico gpm Hors Catégorie dell’Adriatica Ionica Race misura 8,3 km e ha una pendenza media del 9,3% con punte al 15%. L’arrivo è previsto tra le 15.35 e le 16.07.

LE MAGLIE

Azzurra (Geo&Tex 2000) – classifica generale – Elia Viviani (Ita, Quick-Step Floors). Premiato da Moreno Argentin, ideatore dell’Adriatica Ionica Race, e dal presidente della Lega del Ciclismo Professionistico Enzo Ghigo.

Verde (Prologo) – classifica dei gpm – Enrico Logica (Ita, Biesse Carrera Gavardo). Premiato da Valentina Fietta, presidente dell’IPA Terre di Asolo e Montegrappa.

Rossa (Full Speed Ahead) – Classifica a punti – Elia Viviani (Ita, Quick-Step Floors). Premiato da Igino Michieletto, presidente del comitato regionale della Federazione Ciclistica Italiana del Veneto.

Bianca (Gabetti) – classifica giovani – Nicola (Ita, Trek-Segafredo). Premiato da Roberto Busso, amministratore delegato di Gabetti.

Arancione (Suzuki) – premio combattività – Javier Montoya (Col, Trevigiani Phonix-Hemus 1896). Premiato da Simone Fraccaro, titolare della GSG Cycling Wear.

Screenshot 2018-06-06 at 17.52.35

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...